Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Damiani Tamajo Maria Carolina
(Pittrice)

Nata a Palermo nel 1869 e morta nel 1911.

Figlia dell'architetto Giuseppe Damiani Almeyda (Capua 1834- Palermo 1911) e della poetessa Eleonora Mancinelli Arnoldi, figlia del pittore Giuseppe (1813-1875), importante esponente della famiglia di artisti napoletani Mancinelli, si forma in un ambiente culturale ricco e stimolante.

Un suo ritratto realizzato dal padre Giuseppe è conservato presso una collezione privata di Palermo.

Eleonora Mancinelli conosce il futuro marito, Giuseppe Damiani Almeyda, all'epoca in cui questi è allievo del padre.

Dopo il matrimonio a Napoli nel 1868 e il trasferimento a Palermo, avranno otto figli.

Maria Carolina prende il nome dalla nonna materna, chiamata come la regina Maria Carolina moglie di Ferdinando di Borbone.

Era chiamata affettuosamente "Nennella" come si riscontra nelle lettere della sorella Angelina Lanza, scrittrice e pittrice.

Oltre alla passione per le arti figurative, Maria Carolina condivide con le sorelle l'amore per la musica, suona l'arpa e il pianoforte.

In casa Damiani avevano luogo i "venerdì musicali" durante i quali Maria Carolina si esibisce con le sorelle Angelina, violoncellista e con Giulietta violinista.

Giulietta, in particolare, apprende dal padre le tecniche dell'acquerello, la cosiddetta "miniatura a striscio" e della lavorazione della creta, diventando esperta nella lavorazione di figure per presepe secondo la tecnica del trapanese Giovanni Matera.

Maria Carolina sposa l'ingegnere Francesco Tamajo e dà alla luce quattro figli: Elena, che diventerà direttrice della Biblioteca nazionale, Bice, Michele ed Eleonora.

Muore prematuramente nel 1911, lo stesso anno della morte del padre che aveva assistito,con grande dedizione, durante la lunga malattia.

Presso una collezione di Palermo è conservato un suo ritratto da bambina dello zio Gustavo Mancinelli che la raffigura, mentre trasporta un'anfora, con un velo e degli orecchini che richiamano la cultura zingaresca.

Di Maria Carolina si conserva una cospicua quantità di tele, acquerelli, ma anche ricami, testimonianza di una tradizione che pone l'accento sugli affetti e l'intimità domestica, spesso unica espressione dell'universo femminile.

Le opere della Damiani sono conservate presso collezioni private e presso gli eredi, come la grande quantità di acquerelli raffiguranti Taormina e Isolabella, la maggior parte recanti la data del 1892.

Dopo il 1900 l'artista si dedica prevalentemente alla famiglia, anche se nel 1910 realizza un olio su tela raffigurante una "Madonna in trono con bambino": la veste di Maria è rossa, simbolo della passione di Cristo e del suo dono d'amore; il manto ha il blu della trascendenza; il velo è il bianco simbolo di purezza e castità vicino alla luce stessa.

Il trono è realizzato in modo che sembra aprirsi verso lo spettatore, il drappo in alto a destra è un chiaro riferimento alla teatralità  tipica dell'arte barocca.