Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Marabitti Ignazio Francesco
(Scultore)

Nato a Palermo nel 1719 e morto nel 1797.

Viene ritenuto l'ultimo grande caposcuola della tradizione di bottega palermitana.

Fu allievo a Roma del fiorentino Filippo Della Valle (1697-1768), allora principe dell'Accademia di San Luca.

I primi lavori documentati del Marabitti si trovano a Siracusa.

Stabilitosi a Palermo, ebbe bottega in piazza S. Onofrio dove, circondato da numerosi allievi, fu attivissimo nel realizzare opere che riscossero unanimi consensi fra i committenti, in genere esponenti dell'aristocrazia e dell'alto clero.

Realizzò fra l'altro intensi ed eleganti altorilievi introducendo questa tipologia in Sicilia, in linea con i suoi studi romani.

Fra questi ricordiamo la Gloria di S. Luigi nella chiesa di Casa Professa, i S. Ambrogio, S. Gregorio Magno, S. Agostino e S. Gerolamo nella chiesa di S. Matteo, gli Angeli acquasantiere a S. Giuseppe dei Teatini, l'Immacolata nella chiesa del Collegio di Trapani, i M. Vergine, S. Giovanni, la Maddalena e l'Eterno nella chiesa di S. Teresa la Kalsa.

La parte più cospicua della sua produzione, tuttavia,è costituita dai ritratti, dai monumenti funebri e da opere e fregi che celebrano i fasti dell'aristocrazia siciliana.

Vi sono poi le sculture ornamentali: le due fontane del Drago e del Pescatore di Mezzomonreale, del Cavallo Marino, del Fiume Oreto a San Martino delle Scale.

E' sua la statua del Genio di Palermo alla villa Giulia.

Per il Sarullo il capolavoro dello scultore è la Cappella di S. Benedetto nel Duomo di Monreale.