Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cimino Marcello
(Giornalista)

Nato nel 1920 e morto il 17 novembre 1989

Figlio di un generale dell'esercito, monarchico e antifascista, e di una nobildonna, viene educato dai Gesuiti e poi dai Barnabiti a Firenze, Comune in cui si laurea in scienze politiche, successivamente prenderà anche la laurea in giurisprudenza.

A Firenze allaccia i primi significativi rapporti politici, fondamentale quello con Giorgio La Pira, che gli faranno abbracciare le idee comuniste e che faranno di lui, dal 1948 al 1952, il segretario della Federazione provinciale di Agrigento del Pci e, poi, il funzionario regionale per sette anni.

Nel 1942 viene arrestato a Palermo per attivita' antifascista e recluso a Roma. Scarcerato, l'anno dopo viene richiamato nell'esercito mentre incalza la guerra ed fu prigioniero degli americani. Dopo due anni di campo di concentramento in Algeria, nel 1945 rientra a Palermo ed entra nella redazione de "La voce della Sicilia", organo del Pci diretto da Li Causi.

Un anno dopo passa, con compiti di ricerca storica, a "Chiarezza", giornale finanziato dal Partito. E' corrispondente de "L'Unita' ", negli anni '60 diventa  redattore, tra i più autorevoli ed impegnati, del quotidiano palermitano "L'Ora".

Dal 1968 al 1980  fu presidente dell'Ordine dei giornalisti siciliani, carica che conduce con equilibrio, moderazione ed onesta'

Verso la meta' degli anni '70 lascia ?L'Ora?, ma ne rimane collaboratore esterno.

Direttore dell'Istituto "A.Gramsci" siciliano fin dalla sua costituzione, mantiene l'incarico fino alla morte, poco prima della quale viene nominato presidente onorario.

Ha scritto: "Fine di una nazione", originale saggio sul separatismo siciliano, edito da Flaccovio nel 1977; con altri autori "Morte di un generale"  Mondadori 1982, "Le pietre nello stagno" Palermo 1988 , oltre a numerosi contributi pubblicati nella rivista "Segno" diretta da padre Nino Fasullo.

La sua vita fù narrata nella intervista rilasciata a Michele Perriera nel corso degli ultimi mesi, "Vita e morte di un comunista soave" Palermo, Sellerio 1990.