Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Marchese Francesco
(Giurista, teologo e filosofo)

Nato 1656 e morto nel 1726.

Dopo aver compiuto studi di filosofia e teologia passò ad altri di giurisprudenza civile ed economia.

Quando il principe della Catena, Andrea Reggio, istituì nel suo palazzo un' Accademia di Teologia morale, chiamò il Marchese, che ne divenne il principale animatore.

Oratore brillante venne invitato diverse volte nell'altra Accademia, che aveva sede nella Chiesa di S. Eligio a Palermo, per conferenze sugli stessi argomenti.

Elemosiniere dell'arcivescovo Bazan, fu nominato pure canonico della Cattedrale nel 1690 ed ancora giudice ed esaminatore sinodale, visitatore della Diocesi ed avvocato fiscale della Corte Arcivescovile di Palermo.

Venne associato a diverse Accademie: dei Geniali, del Buongusto, dei Pigri di Bari, degli Spensierati di Rossano.

Lasciò a stampa il libro "Sacerdos in villa", stampato prima dal Gramignani e successivamente da Domenico Cortese nel 1706.

Tra le sue opere rimaste in gran parte manoscritte si ricordano la "Praxis Ecclesiae et Magnae Curiae Archiepiscopalis panormitanae", di grande importanza sono le "Additiones et correctiones ad chronologiam Regum Siciliae et ad notitiam ecclesiae panormitanae Rochi Pirri".

Il Mongitore ci informa che fece incidere in rame i ritratti e le armi di molti prelati che sono inseriti in uno dei suoi manoscritti.

Di qualche interesse il manoscritto "Notitia de panormitanae basilicae turri campanaria et campanis".