Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Gallo Agostino
(Letterato)

Nato il 7 febbraio 1790 e morto il 16 maggio 1872.

Fu appassionato collezionista di quadri, di libri, di cimeli di ogni tipo relativi alla storia, alla cultura e all'arte siciliana.

Si battè affinchè la chiesa di San Domenico fosse trasformata in un Pantheon di glorie siciliane e vi fossero eretti monumenti commemorativi ai siciliani più illustri, a sue spese ne fece erigere otto.

Nel 1863 istituì nella sua abitazione una assemblea di storia patria, che si sciolse due anni dopo, ma dalla quale otto anni dopo nacque la Società Siciliana per la Storia Patria.

Donò alla Biblioteca comunale la sua preziosa raccolta di 152 ritratti ad olio di siciliani illustri e al Museo nazionale la sua collezione di 103 quadri (oggi conservata presso la Galleria regionale di Palazzo Abatellis).

Lasciò un gran numero di opere riguardanti la letteratura, la storia, l'archeologia, l'arte e ancora: poesie, liriche, biografie, saggi di critica d'arte.

Fra i lavori di prosa sono pregevoli il "Saggio su pittori siciliani vissuti dal 1800 al 1842" 1842, "Sulle antiche leggi di Sicilia e su legislatori greco siculi" 1847, "ll Saggio storico critico sulla pastorizia e agricoltura in Sicilia dai tempi mitici per tutta l'epoca greca sino alla conquista dei Normanni", 1855.

Lasciò manoscritta una "Storia delle Belle Arti in Sicilia dall'epoca greca sino al secolo XIX" e un'opera "Sull'origine della poesia volgare" prevista in due volumi.

E' ricordato nella chiesa di S.Domenico da un semplice mezzobusto scolpito da Benedetto Civiletti.