Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Amorelli Alfonso
Amorelli Alfonso
(Pittore)

Nato nel 1898 e morto nel 1969

Trascorse gran parte della sua infanzia a Sambuca di Sicilia, paese d'origine della sua famiglia, tornato a Palermo nel 1920, dopo l'esperienza della guerra, prese parte a tutte le più importanti mostre del periodo.

Fu un valente decoratore, sono suoi gli affreschi realizzati negli anni 30 nella Galleria delle Vittorie in via Maqueda a Palermo, oggi molto compromessi, e quelli dell'aula magna e della sala del Rettore all'Universita' di Palermo, oggi sede di Giurisprudenza.

Affrescò chiese e delegazioni comunali dei borghi rurali, fra questi da ricordare il Borgo Fazio nel trapanese, progettato da Luigi Epifanio. Sono di sua mano i manifesti dell'Istituto del dramma antico di Siracusa dal 1954 al 1968, le decorazioni dell'Extrabar Olimpia in via Ruggero Settimo (recentemente distrutte), del bar dell'Albergo Mediterraneo e di tanti altri edifici per abitazione.

Ha scritto di lui Gemma Salvo Barcellona: "L'arte fu per lui evasione, soluzione di problemi di luce, di ritmi, di forme e di colori, perchè questi erano accompagnati da una singolare osservazione ironica che denunziava i limiti della condizione umana, irridente del concetto del superuomo". Prese parte ad importanti mostre in Italia e in Germania. Anche la moglie, Hertha Schaeffer, fu pittrice.