Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Anca di Mongalavite Francesco
(Paleontologo e paleoetnologo)

Nato a Palermo nel 1803 e morto nel 1887

Barone di Mangalavite (Messina), fu il padre della Paleoetnologia della Sicilia, attivo ricercatore diede contributi notevoli sia a questa disciplina, sia alla Paleontologia, occupandosi della ricerca sui mammiferi fossili del Quaternario siciliano e degli avanzi d?industria umana preistorica.

Fu il primo a segnalare la presenza di carnivori fossili in Sicilia e a determinare una stazione umana preistorica permanente. Infatti, scoprì le grotte ossifere di Grotta Perciata a Palermo, in cui trovò armi di selce, ossa di erbivori e conchiglie marine, e di S. Teodoro a Messina in cui trovò punte di frecce, di lance, coltelli, raschiatoi insieme a ossa di erbivori e carnivori, indizi chiari che la grotta era stata una importante stazione umana. I risultati delle sue scoperte furono pubblicati nel 1860 nel lavoro "Note sur deux nouvelles grottes ossifè es d'ouvertes en Sicile en 1859".

I resti di mammiferi raccolti dall'Anca furono da lui stesso donati al Museo Geologico dell'Universita' di Palermo. Interessatosi anche di agricoltura ed industria, fondò a Palermo la Societa' di acclimazione e nel 1855 presenta' all'Esposizione dell'industria di Parigi il citrato di calce.

Tra le sue opere: "Monografia degli elefanti fossili di Sicilia" del 1867, scritta col Gemmellaro che costituisce un completo lavoro sugli elefanti fossili di Sicilia e "Paleoetnologia sicula" del 1867.