Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Meli Giovanni
(Poeta)

Nato a Palermo il 6 marzo 1740 e ivi morto il 20 dicembre 1815.

Esercitò anche la professione di medico condotto a Cinisi ed insegnò chimica generale nell'Accademia degli Studi, la futura Università.

Indossò l'abito talare e fu chiamato abate, nonostante non avesse mai preso gli ordini e non avesse mai ottenuto un'abbazia.

Appena ventenne fu ammesso all'Accademia del Buon Gusto e divenne assiduo frequentatore della casa del principe di Campofranco, Antonio Lucchesi Palli, dove si tenevano dotte riunioni letterarie, chiamate "la galante conversazione".

La sua prima composizione fu "La fata galanti", cui seguirono "L'egluga in lodi di lu gattu", "L'origini di lu munnu" e via via tutte le altre sue poesie pastorali e le odi anacreontiche, morali e pindariche.

Le sue opere furono tradotte in latino e in greco, in italiano, in francese, in tedesco, in inglese.

E' ricordato nel Pantheon di San Domenico da un imponente monumento funebre, opera di Valerio Villareale, che scolpì anche il medaglione posto nella parete dello scalone della Biblioteca comunale.

Altri monumenti lo ricordano in piazza Stazione Lolli e all'interno del Palazzo Pretorio; infine due lapidi indicano la sua abitazione primitiva in via Seminario ltalo Albanese e la casa in cui visse e morì in via Maqueda al n. 331.