Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Ando' Flavio
(Attore)

Nato il 17 gennaio 1851 e morto a Pisa il 31 luglio del 1915

Iniziò un tormentato corso di studi nel Collegio Celesta, dove dimostrò subito la sua propensione per la recitazione. Fallito un tentativo di ottenere una scrittura a Napoli, dove era fuggito con dei soldi sottratti al padre, rientrò a Palermo dove venne obbligato a completare gli studi e ad impiegarsi al Comune di Palermo.

Ma il richiamo per le tavole del palcoscenico era forte: ottenuta una scrittura al Teatro Garibaldi di Palermo, cominciò una carriera foriera di successi che non si sarebbe interrotta. Fattosi le ossa con la guida di esperti capocomici come Lambertini, Rizzatto e Boldrini nei più svariati generi teatrali, divenne infine allievo di Rossi e durò nella sua Compagnia per sette anni.

Nel 1880 divenne primo attore e ebbe la possibilita' di recitare anche con Eleonora Duse. Assieme alla grande attrice, con la quale intrecciò anche un legame sentimentale (interrottosi nel 1887 quando lei lo lasciò per Arrigo Boito), recita' un vasto repertorio affermandosi come splendido Duval nella notissima "Signora delle camelie"; poi fu la volta di "Cavalleria rusticana", rispettivamente nei ruoli di Turiddu e Santuzza, che ottenne un successo clamoroso a Torino.

Nel 1901 recita al Teatro Costanzi di Roma assieme ad Irma Grammatica e Tina Di Lorenzo, con quest'ultima ed Armando Falconi, suo marito, diedero vita alla memorabile rappresentazione del dramma "Romanticismo", che Rovetta aveva scritto per lui.