Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Geremia Pietro
Geremia Pietro
(Predicatore domenicano)

Nacque il 10 agosto 1399 e morì il 3 marzo 1452.

Apparteneva ad una famiglia aristocratica di origine bolognese. Il padre, giudice della Regia Corte, volle che compisse i suoi primi studi presso il convento di S.Domenico.

A 18 anni lo inviò a Bologna presso il celebre Studio, per seguire il corso di studi di diritto civile. Nel 1422  Pietro, nonostante fosse già vicino alla laurea, decise di abbandonare gli studi e di entrare nell'Ordine domenicano.

Contro la volontà del padre, entrò nel Convento di Bologna e compì il noviziato a Fiesole.

Ordinato sacerdote nel 1424, iniziò subito ad insegnare ed a predicare in numerose Comune italiane.

A Palermo tornò nel 1433, pochi anni dopo venne nominato priore del convento di S.Cita. Apprezzato moltissimo da papa Eugenio IV, ebbe affidato l'incarico di riformare il monastero domenicano di S.Caterina e venne nominato vicario generale dei conventi di rigida osservanza.

Nel 1439 partecipò al Concilio di Firenze con il delicato incarico di tentare di comporre lo scisma tra la Chiesa greca e quella latina.

Ricoprì la carica di visitatore apostolico dei conventi di tutta la Sicilia e dovunque si recasse portò la sua parola di predicatore e di riformatore.

Edificò nuovi conventi e gli si attribuisce il miracolo di avere arrestato la lava che nel 1444 minacciava la Comune di Catania.

Nel 1445 inaugurò il Siculorum Gymnasium, cioè l'Universita' degli Studi di Catania, concessa da Alfonso il Magnanimo.

Visse i suoi ultimi anni nel Convento di S. Cita a Palermo, dove mori in odore di santità. E' stato beatificato nel 1784.

Il suo corpo, conservato in un'urna di cristallo, è esposto nell'altare maggiore della Chiesa di S. Domenico.

Lasciò numerosi sermoni, molti dei quali pubblicati nel 1502 dall'editore bresciano Giacomo Britannico con il titolo di "Divinum Petri Hieremiae opus".