Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su Google+ mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Riolo Vincenzo
(Pittore)

Nato nel 1772 e morto di colera nel 1837.

Fu allievo di Antonio Manno e del Sozzi; a vent'anni fu a Roma dove frequentò la scuola del Wicar, avendo come colleghi il Camuccini e il Benvenuti.

Fu amico di Vincenzo Monti del quale realizzò un ritratto. Nel 1799 soggiornò a Napoli e fece ritorno a Palermo nel 1800.

Sposò la figlia del Velasco, sostituendo il suocero all'Accademia del nudo alla morte di questi avvenuta nel 1828. Conobbe approfonditamente la pittura rinascimentale e seicentesca e fu un artista versatile, con un linguaggio che, nelle prove migliori, riuscì a fondere felicemente elementi neoclassici e suggestioni romantiche.

Secondo Maria Accascina il Riolo, tornato nella sua Comune venne ritenuto "creatore della grande riforma del colorito, della composizione, della macchia pittorica [.. .]". Decorò a fresco i palazzi Tasca, Gangi, la real Casina della Favorita, la chiesa dell'Olivella, la reggia di Ficuzza.

Le sue opere si conservano in collezioni pubbliche e private. Il nipote Rosario (1808-1886) fu mosaicista e pittore di paesaggi a olio e vedute.

Prese parte nel 1832, col gruppo guidato dallo zio materno Pietro Casamassima, all'esecuzione dei mosaici del portico esterno della Cappella Palatina, Davide che perdona Semei, su cartone del Villareale e di Re Ruggero che porge il diploma al Ciantro in ginocchio su cartone dello zio Vincenzo.

Partecipò ai restauri avviati sui mosaici della Cappella nel 1840 da Ferdinando II, restaurò anche i mosaici del Duomo di Cefalù. Fu pure illustratore e lasciò una nutrita schiera di discepoli.

Il figlio Tommaso (1815- 1886), anche lui pittore, recepì con sensibilità le esperienze coloristiche proprie delle correnti meridionali, dando vita a quadri con scorci e vedute prospetti "veristicamente analizzati".