Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Giattino Giovanbattista
(Letterato)

Nato nel 1600 e morto nel 1672.

Gesuita e personaggio di spicco nella gerarchia ecclesiastica in periodo di Controriforma.

Insegnò nel Collegio palermitano per tanti anni lingua greca, matematica, filosofia, teologia scolastica, teologia morale, ricoprì parimenti la carica di prefetto degli studi; fu esperto conoscitore di lingue orientali non solo antiche ma anche moderne.

Assieme ad Atanasio Kirker e Ludovico Marraccio, su mandato del Pontefice, ebbe l'incarico di tradurre una serie di iscrizioni arabe in Spagna e successivamente di tradurre in lingua araba la "Bibbia".

Chiusa questa esperienza ricevette la nomina a teologo della Congregazione della versione della Bibbia.

In età avanzata affrontò l'impresa di tradurre in latino la storia del Concilio di Trento del cardinale Sforza Pallavicini, che ebbe diverse edizioni dal 1670 al 1775 per quello che ci è noto.

L'unica pubblicazione edita in Sicilia è "l'Oratio habita in lustratione studiorum in Collegio panormitano Soc.jesu", stampato a Palermo presso Decio Cirillo nel 1630.

Tra le opere romane citiamo la "Relazione della Gran Monarchia della Cina del P. Alvaro Semedeo dell'idioma portoghese" del 1643, tradotta in italiano e stampata da Erasmo Scheo; "Logica" del 1651 e due anni dopo la "Fisica" per i tipi degli eredi di Corbelletti.

Fu autore di numerose tragedie. Segnaliamo tra le numerose opere rimaste manoscritte il "Volumen controversiarum contra haereticos huius temporis, quo prosecutus est controversias Roberti cardinalis Bellarmini, un Tractatus de horogiis" ed infine la "Nova Aristotelis versio latina aggressus fuerata", che non portò a termine.