Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su Google+ mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Baragli Giacomo
(Scultore e docente)

Nato a Palermo nel 1934 e morto nel 1989.

Nipote della celebre pianista Alice Ziffer, fu assistente di Giacomo Manzè e dal 1961 al 1964 diresse la scuola di scultura della Camberwell School of Arts and Crafts.

Gli fu accanto la moglie Ines Panepinto, anche lei pittrice. Rientrato a Palermo insegna al Liceo artistico e successivamente viene chiamato a tenere la cattedra di Decorazione plastica ad Urbino.

Dal 1982 insegnò all'Accademia di Palermo. Intellettuale fra i più prestigiosi della seconda metà del '900, uomo di grande cultura, attento ai contesti e alle problematiche sociali, affiancò all'attività artistica quella politica e di critico.

Collaborò a diversi giornali e riviste intervenendo, impegnato in prima linea, nelle questioni che riguardavano la programmazione e la gestione dei beni artistici e culturali.

Accanto alla sua cospicua produzione in bronzo, gli venne commissionata una serie di opere pubbliche: il Monumento ai caduti di Alia, quello a Gualtiero da Caltagirone nella Comune calatina, il Monumento a Lorenzo Panepinto, un Altorilievo in memoria dei partigiani siciliani presso la Storia Patria.

Fu un raffinato medaglista, a lui si devono due medaglie per la Provincia e per il Comune di Palermo.

Il suo ultimo impegno fu il restauro della cancellata della villa Garibaldi a piazza Marina, intervento che non riuscì a portare a termine perché la morte lo colse prematuramente, lasciando un vuoto che non verrà più colmato nel dibattito artistico e culturale palermitano.