Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Nocito Gerardo
(Botanico e farmacista)

Nato a Sciacca nel 1475 e ivi morto nel 1545.

Per motivi di studio si trasferì a Palermo, dove mostrò attitudine particolare nel fare uso delle erbe officinali, distillarle in essenze, manipolarle in unguenti.

Tutto questo fu scritto nel trattato "De Unguentis".

Per continuare i suoi studi e i suoi esperimenti, nel 1507 si diresse sui monti di Messina e dell'Aspromonte, del Gran Sasso, del Piceno e del Veneto.

Reduce dalle Marche, sostando a Roma, andò in incognito a seguire le lezioni di botanica all'Università intervenendo per precisare alcune lacunose informazioni del docente.

Passato a Napoli, diede alle stampe nel 1511 "Expositio super librum simplicium medicinarum noviter compilatum".

Al suo ritorno a Palermo, su segnalazione di Raimondo di Cardona, vicerè di Sicilia, fu nominato protomedico.

Scrive anche "De tempore colligendi hebas", lodata da Silvio Boccone.

Rientrato a Sciacca, per malinconia, riduce la sua abitazione in una sorta di museo di storia naturale, ammucchiando vegetali disseccati, fossili e minerali, apparati fisico-chimici, scatole, vasi e ampolle ricolme di unguenti.

Nella vecchia chiesa madre, gli fu eretto dai familiari un monumento funebre in marmo bianco di Carrara, con sculture e rilievi e un epitaffio: "Hic decus aromatum Nucitus flosque Gerardus / moribus, et vita clarus in arte sua / olim qui terras fama nunc sidera lustrat / ossa iacent tumulo spiritus ante Deum".