Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Salinas Antonino
(Archeologo e numismatico)

Nato a Palermo il 19 novembre 1841 e morto il 7 marzo 1914.

Nel 1865, dopo aver lavorato per qualche anno presso il Grande Archivio di Palermo e a soli 24 anni, divenne titolare della cattedra di archeologia appena istituita presso l'Università di Palermo, che mantenne fino alla morte.

Studioso di storia e amante dell'architettura e delle arti antiche in generale, nel 1873 fu tra i soci fondatori della Società siciliana per la Storia Patria e per molti anni fu direttore della III classe, che riguardava gli studi relativi alla numismatica, alla storia delle belle arti ed all'illustrazione dei monumenti artistici.

Nello stesso anno venne nominato direttore del Museo nazionale, anche quest'ufficio mantenuto fino alla morte.

Ricoprì numerose e prestigiose cariche pubbliche: preside della Facoltà di lettere e filosofia (1880-82 e 1893-96), rettore dell'Università nei 1903-04, membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione nel 1894, socio dell'Accademia dei Lincei, dell'Accademia di S. Luca e di numerose altre Accademie italiane e straniere.

Promosse scavi in varie località della Sicilia e specialmente nella Sicilia occidentale, a Selinunte e a Segesta.

Lasciò più di 150 opere in cui tratto di descrizioni di monete antiche, di iscrizioni ed epigrafe antiche, di suggelli medievali, di diplomi, di monumenti.

Nel 1985, a cura della Biblioteca centrale della Regione siciliana, è stato pubblicato un ricco ed interessante carteggio intercorso tra lui e Michele Amari, nel periodo compreso tra il 1861 e il 1880.