Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Beccadelli Antonio
(Poeta e umanista)

nacque nel 1394 e morì a Napoli il 19 gennaio 1471

Della nobile famiglia dei Beccadelli di Bologna, visse girovago presso varie corti italiane. Fu a Firenze, a Padova, a Siena, a Roma, a Pavia ed in quest'ultima Comune ebbe l'incarico di insegnare Eloquenza.

Durante il periodo pavese (il più felice della sua vita) scrisse i commenti alle otto Commedie di Plauto (le sole conosciute allora) e le "Epistole gallicae", nelle quali viene rievocata la vita festosa e gioiosa condotta a Pavia. Inviato nel 1442 come ambasciatore a Parma presso l'imperatore Sigismondo, vi fu incoronato poeta con la tradizionale corona d'alloro. Passato a Napoli, alla corte del re Alfonso il Magnanimo, ne divenne educatore, consigliere e uomo di fiducia.

L'opera che diede fama universale fu "Hermaphroditus", una silloge di 79 epigrammi in latino, arguta e salace, composta nel 1425 a Siena, i cui contenuti erotici e talvolta licenziosi, scatenarono approvazioni e condanne a seconda dei punti di vista.

A Napoli organizzò convegni letterari che si tennero dapprima nella corte del Re e poi nella sua casa, il "Porticus", trasformata in Accademia (la celebre Accademia Antoniana, detta poi Pontaniana dal nome dell'umanista Gioviano Pontano, che gli successe).