Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Bongiovanni Vincenzo
(Pittore)

Nato nella seconda meta' del XVII secolo e morto intorno al 1730

Secondo alcuni studiosi si perfezionò in ambito romano, a Palermo dipinse due Cappelle per la Chiesa di Sant'Orsola. Realizzò; tre Episodi della vita della Vergine per la Chiesa di Montevergini; affrescò la volta dell'Oratorio dell'lmmacolatella con Storie della vita della Vergine ed eseguì, inoltre, la tela di S. Giovanni da Prado, l'Adorazione dei pastori e la Devozione della Statua della Madonna per la Chiesa di S. Maria degli Angeli, il Beato Giacomo a S. Domenico, la Fuga in Egitto per la distrutta Chiesa di S.Margherita, la Lavanda dei piedi per la Chiesa della Compagnia della Carita' il quadro allegorico nella Chiesa di S. Maria di Porto Salvo raffigurante la Vergine che salva Vittorio Amedeo II dalla tempesta e gli affreschi della volta del Collegio nuovo dei Gesuiti, non più esistente. Fu anche un abile e raffinato incisore. 

Anche il figlio Bernardo fu incisore di successo, vantando al suo attivo una vasta e qualificata produzione di stampe. Nel 1774 incise una pianta di Corleone per l'opera su quella Comune di Cesare Orlandi, pubblicata a Perugia.  Firmò anche un affresco per la Chiesa dei Santi Giuliano ed Euno raffigurante Cristo e il Santo titolare.

La figlia Pellegra fu una miniaturista di talento, viene  ricordata per la sua bellezza e per avere riunito in sè il talento della musica, della pittura e della poesia.

Ignazio fu con tutta probabilita' fratello di Vincenzo. Anche lui pittore ed incisore, gli viene attribuito il quadro di Sant'Agata miracolata nella Chiesa di S. Paolo a Modica.