Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Pappalardo Salvatore
Pappalardo Salvatore
(Cardinale)

Nato a Villafranca Sicula (Agrigento) il 23 settembre 1918 e morto il 10 dicembre 2006.

Dopo avere condotto gli studi classici a Catania, frequentò i corsi di filosofia e teologia presso il Seminario Romano, conseguendo la laurea in teologia nella Pontificia Università Lateranense.

Successivamente, dopo avere frequentato i corsi di diritto canonico e civile nel Laterano, conseguì la laurea in 2Utroque Jure".

Fu ordinato sacerdote il 12 aprile del 1941.

Prestò la sua opera nella sezione affari straordinari della Segreteria di Stato, senza tuttavia abbandonare mai le attività pastorali svolte nelle diverse chiese della capitale. 

Nel 1959 fu membro delle Missioni pontificie al Congresso eucaristico nazionale di Catania e dal 1959 al 1965, insegnò diplomazia ecclesiastica nella Pontificia accademia ecclesiastica e nella Università Lateranense.

Venne nominato alla sede arcivescovile titolare di Mileto e pro-nunzio apostolico in Indonesia.

Il 16 gennaio 1966 ricevette l'ordine episcopale, il 17 ottobre 1970 viene nominato arcivescovo di Palermo e il 5 marzo 1973 Cardinale nel Concistoro.

Partecipò ai Conclavi per l'elezione di Papa Giovanni Paolo I e di Papa Giovanni Paolo II; curò con zelo e attenzione i rapporti con le Conferenze episcopali europee, tanto da essere nominato nel 1983 delegato speciale al Congresso Mariano internazionale di Malta e nello stesso anno il Presidente della Repubblica Sandro Pertini lo insignì dell'onoreficenza di Cavaliere di Gran Croce.

Significativo è stato il suo costante impegno per l'affermazione della cultura della legalità importante risulta il suo contributo alla lotta ai poteri mafiosi.

Dopo venta' anni di attiva e costante presenza nell'Arcidiocesi, ne lasciò la guida per raggiunti limiti di età