Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Scarlatti Alessandro
(Compositore)

Nato a Palermo il 2 maggio 1660 e morto a Napoli il 24 ottobre 1725.

Lasciò la Sicilia nel 1672 insieme alle sorelle Anna Maria e Melchiorra. Il 12 aprile 1678 sposò Antonia Anzalone dalla quale ebbe dieci figli.

Nel gennaio del 1679 fu invitato a scrivere un oratorio per l'Arciconfraternita del SS. Crocifisso e, un mese dopo, la sua prima opera "Gli equivoci nel sembiante" fu eseguita al Teatro Capranica con enorme successo, e poi rappresentata a Bologna, Napoli,Vienna e Ravenna. Maestro di cappella della Regina Cristina di Svezia, nel 1684 fu nominato maestro della Cappella reale a Napoli, dove rimase 18 anni.

Tra il 1684 e il 1702 scrisse 35 opere. Nel 1702 col figlio Domenico si recò a Firenze, dove ebbe la protezione del figlio del granduca di Toscana, Ferdinando III dei Medici; poco dopo si recò a Roma al servizio del cardinale Ottoboni.

Eletto membro dell'Accademia dell'Arcadia nel 1706, l'anno seguente è a Venezia e a Urbino. Ritorna a Roma nel 1708, ma, all'ingresso degli austriaci a Napoli, il vicerè cardinale Grimani lo reintegra nella carica di maestro della Real Cappella. Torna a Roma fra il 1717 e il 1718.

Scrisse una enorme la quantità di opere, ma morì in miseria a Napoli.

Fra le sue opere teatrali "Il Pompeo", "Il trionfo dell'onore", "Il Massimo Puppieno", "Pirro e Demetrio", "Mitridate Eupatore", "ltigrane", "La Griselda".

Compose serenate, oratori, messe, mottetti, madrigali, cantate, musica strumentale.

A lui è intitolata la sala concerti del Conservatorio di Musica "V. Bellini" di Palermo.