Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Bronzetti Eugenio
(Fotografo)

Nato il 24 ottobre 1906 e morto nel settembre del 1997

Figlio d'arte, il padre Benedetto fu un pioniere della fotografia industriale palermitana e marito di Celestina Interguglielmi, figlia di Eugenio il ritrattista della belle Epoche palermitana, iniziò giovanissimo la sua attivita'

Nel 1920 scatta' la sua prima fotografia dall'alto di una ciminiera della centrale elettrica di via A. Volta; cinque anni più tardi, dopo avere appreso dal padre i rudimenti del mestiere, lo sostituì  nella direzione della ditta, di cui intensificò l' attivita' lavorando su commissione per diversi enti e societa' industriali: l' Aeronautica Sicula, la Chimica Arenella, i Cantieri Navali.

Intensa fu anche l'attivita' per conto di noti artisti (Antonio Ugo, Mario Rutelli, Benedetto De Lisi)  ed architetti (Antonio Zanca ed Ernesto Basile), per i quali eseguì lavori di riproduzione.

Negli anni 1941 e il 1942 realizzò per l'Ente per la colonizzazione del latifondo siciliano, oggi ESA, una serie di fotografie aventi come soggetti borghi rurali, case coloniche, strade di bonifica, ponti, sorgenti, bevai, piantagioni e vedute panoramiche nelle zone latifondistiche.

Nel 1943 si trasferì a Roma ove rimase quattro anni, collaborò con riviste e giornali, compresa la rivista milanese "Tempo"  per la quale realizzò molti servizi.

Nel 1944, dopo la scomparsa del padre, tornò a Palermo e lavorò fino al 1981 nel laboratorio di via G. Rossini, dove instaurò rapporti di lavoro con Enti committenti quali la Sailem, l' Anas, la Simens e l' Azienda municipale gas. Si ritirò dall'attivita' nel 1979, a causa di un brutto incidente.