Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Sellerio Antonio
(Scienziato)

Nato a Geraci Siculo nel 1885 e morto nel 1973.

E' stato autore di più di cento lavori di fisica pura e applicata, sia sperimentale che teorica, di scritti a carattere epistemologico, di un testo di fisica applicata, di un trattato di fisica tecnica. Nella sua lunga attività scientifica ha svolto studi di ottica, sull'arco elettrico, sul movimento dei fluidi, sull'acustica, sulla termodinamica e termocinetica, sulla filosofia della scienza e sulla Fisica nucleare.

Consegue la laurea in Matematica all'Università di Palermo e in Ingegneria al Politecnico di Monaco di Baviera. Per un breve periodo va a lavorare alla Siemens.

Nel 1914, alla vigilia della grande guerra, rientra in Italia e si dedica all'attività didattica.

Sono gli anni sessanta quando i  "ragazzi del Parco", un gruppo di fisici dell'Ateneo capitanato da Sellerio, che lavorano in un capannone di Villa d'Orleans, tentano di arrivare primi nella costruzione dell'atomica. Ma sono boicottati e arriveranno secondi dopo il Comitato nazionale per la ricerca.

Oltre ad essere stato un insigne studioso, il professore Antonio Sellerio fu anche impegnato nella vita pubblica: il suo impegno sociale si concretizzò infatti, nella direzione dell'Ufficio provinciale del lavoro e nell'attività di consigliere al Comune di Palermo.

Il 20 dicembre del 2007, alla presenza dei familiari e delle autorità accademiche e politiche cittadine, l'Amministrazione comunale di Palermo gli intitola uno slargo alle falde di Monte Pellegrino, proprio dove lo scienziato costruì il primo mulino eolico e vicino la Fiera del Mediterraneo dove espose il famoso reattore.