Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Serretta Enrico
(Giornalista, romanziere e commediografo)

Nato il 27 maggio 1881 e morto a Milano il 18 agosto 1939.

Dopo aver conseguito la laurea in giurisprudenza nel 1912 all'Università di Milano, preferì dedicarsi al giornalismo. Fu redattore de "L'Ora", del "Giornale di Sicilia", del "Corriere della Sera", del "Popolo d'Italia", de "L'Illustrazione italiana"; corrispondente del "Mondo" e della "Sicilia nuova"; collaboratore del "Resto del Carlino", del "Secolo" e direttore de "La Gazzetta di Messina".

In alcuni articoli si firmò con lo pseudonimo di "Cirillo". Scrisse numerosi romanzi, alcuni pubblicati con l'altro pseudonimo di "Don Candeloro".

Si ricordano i titoli dei più noti: "Oh, che care signore!" Milano, 1923; "Mariella ed altre consimili e diverse" del 1923, "O dolci baci" Milano, 1924; "Cento temi svolti per signore, signorine, uomini di mondo, borghesi, militari, ecc." del 1929.

Tra le commedie da lui prodotte alcune sono in italiano: "Cocottina per bene", "L'amico e l'avventura", "Un signore senza pace", "Il gioco dell 'oca", - "La buona azione", "L'ottavo servizio da tè" , "II commesso del notaio", "Burrasca sul lago", "Made in Italy", "La vocazione"; altre in dialetto siciliano: "Malantrinu", "Cù m'u fà fari", "L'està di San Martinu".

I romanzi e le commedie sono pervasi di un sottile umorismo, di una garbata finezza e di una sorridente malizia.