Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Burgio Enzo
(Paleontologo)

Nato ad Agrigento il 14 aprile 1946 e  morto a Palermo nel 2001.

Appassionato di paleontologia dei vertebrati, si laureò presentando una tesi sui primati fossili; nel 1971, appena laureato, ebbe l' incarico di assistente e nel 1975 divenne conservatore del museo geologico "Gemmellaro".

La sua attivita' e le sue energie furono volte alla ricostituzione del museo, alla quale lavorò incessantemente nella  nuova sede di corso Tukory per riordinare, schedare, inventariare e revisionare le collezioni composte da 600.000 reperti.

Promotore di iniziative culturali, nel 1985, in occasione della riapertura del museo, organizzò l' importante mostra "I fossili di Sicilia", a cui seguirono "Prima della Storia" del 1989 e "Fossilia Sicula" del 1994. 

Fu uno dei rifondatori e dei sostenitori della nuova serie della rivista "Naturalista Siciliano". Abile ricercatore, si dedicò alla successione filogenetica degli elefanti in Sicilia confutando la vecchia teoria gradualistica che sosteneva una riduzione di taglia col succedersi del tempo.

Tra le sue pubblicazioni: "Nesolutra trinacriae, nuova specie di lontra quaternaria della Sicilia" scritta con Fiore nel 1988, "Per una storia della paleontologia dei vertebrati in Sicilia" scritta con Cani nel 1992, "Mus lopadusae - Muridae, Rodentia - nuova specie fossile dell'isola di Lampedusa" scritta in collaborazione con Catalisano nel 1994, "Le attuali conoscenze sui mammiferi terrestri quaternari della Sicilia" del 1997.