Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Patricolo Michele
(Architetto)

Nato a Palermo il 30 settembre 1801 e morto il 15 luglio del 1853.

Figlio del capomastro Giuseppe Patricolo e padre dell'architetto Giuseppe Patricolo, ebbe un'attività particolarmente legata alla carica istituzionale da lui ricoperta essendo prima "Architetto della Real Casa e dei Reali Siti di Campagna" e dopo, per l'impegno professionale e le sue conoscenze tecniche, nominato "Architetto della Real Soprintendenza dei Pubblici Spettacoli e Teatri in Palermo"?.

Dovendosi restaurare il prospetto del Real Teatro Santa Cecilia, presentò un suo progetto ispirato a forme neoclassiche; nel 1841 elaborò per primo un progetto per la costruzione di un nuovo teatro pubblico a Palermo, nel quale si ponevano in primo piano ed in modo innovativo non solo le motivazioni estetiche, ma anche le ragioni della sicurezza e della funzionalità.

Per motivi economici l'idea venne scartata, ma rimase come un'impronta fondamentale dell'architettura teatrale palermitana: il progetto rappresentò una sorta di ideale premessa per la successiva realizzazione di un grande teatro pubblico cittadino, in quanto pose in primo piano l'urgenza per Palermo di dotarsi di una struttura teatrale unitaria e al contempo polifunzionale.

Oltre all'attività progettuale, vanno ricordati i suoi scritti: "Cenno sul progetto di un nuovo teatro per Palermo" del 1841, "Osservazioni sul progetto del nuovo teatro per Palermo" del 1845, "In risposta al sig. Francesco Venturelli" del 1847, "Cronichetta teatrale" del 1851, ove principalmente egli scrive del mezzo più efficace ed economico  per l'ingrandimento del Real Teatro Santa Cecilia.