Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Pelaez Emanuele
(Bibliotecario e studioso di diritto)

Nato a Palermo nel 1841.

Figlio di Pietro e Rosalia Anastasia Morfino, studiò lettere, eloquenza e filosofia presso gli Istituti "Cavalcanti" e "Pecoraro" di Palermo, con prestigiosi insegnanti come Matteo Musso, Ramirez, Giuseppe Marino e Giuseppe Sanfilippo.

Acquisì buone conoscenze delle lingue straniere e dopo avere studiato nell'Università di Palermo matematica e fisica, pervenne invece alla laurea in giurisprudenza.

Nel 1858 era stato nominato cancelliere del Consolato generale pontificio in Sicilia e, intorno al 1860, console; per i suoi meriti la S. Sede gli concesse il cavalierato dell'Ordine di S. Gregorio Magno.

Nel 1875 divenne secondo bibliotecario della Biblioteca comunale di Palermo e, per i meriti acquisiti, fu eletto tra i soci dell'Accademia di scienze, lettere ed arti di Palermo, della Zelantea di Acireale, della Società di Storia Patria e del Circolo filologico.

Dei suoi scritti si ricordano: "La proprietà privata dei sudditi di uno stato belligerante sul mare" stampata a Palermo da Pedone Lauriel nel 1870; "Il riconoscimento degli insorti come belligeranti" uscito dai torchi della stamperia del Giornale di Sicilia; "il Cenno storico sulla Biblioteca Comunale di Palermo" stampato da Amenta nel 1880.

Nel bollettino della Storia Patria aveva pubblicato la trascrizione del manoscritto della Biblioteca comunale di Palermo sulla vita del pirata Ariadeno Barbarossa.