Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su Google+ mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Calandrucci Giacinto
Calandrucci Giacinto
(Pittore e incisore)

Nato nel 1646.

Ancora giovane si trasferì a Roma, formandosi nella bottega di Carlo Maratta. Nella Comune santa ebbe grande successo e numerose committenze grazie a una ricerca cromatica intensa ed accesa e a modi che seguivano quelli del suo maestro.

Eseguì i decori della volta e della lunette, la Madonna col bambino sull'altare maggiore e il Battesimo di Cristo per la Chiesa di S. Antonio dei Portoghesi. Dipinse una Sacra Famiglia con S. Anna e Santi per la Chiesa di S. Bonaventura al Palatino, l'Ascensione del Battista nella Cappella Altieri di S. Maria in Campitelli, una Sacra famiglia con S. Anna nella Chiesa di S. Paolino.

Con la maturità il pittore adottò soluzioni coloristiche più  tenui, pur nella sinuosità delle figure e nella ricchezza di panneggi che aprono al rococò.

Di questo periodo sono gli affreschi di S. Maria dell'Orto. Ebbe anche numerosi incarichi da privati. In Sicilia invece la sua fortuna fu minore. Realizzò alcune tele e lavorava alla volta dell'Oratorio dei Santi Francesco e Lorenzo, quando si spense nel 1707.

L'opera fu portata a compimento dal fratello Domenico, anch'egli pittore.

Il nipote Giovambattista, pittore, visse a Roma dove ricevette un riconoscimento dall'Accademia di S. Luca. Tornato a Palermo, portò a compimento alcuni lavori lasciati incompiuti da Giacinto.

Affrescò inoltre parti della Chiesa di S. Lorenzo in Borgo ed eseguì gli affreschi nella Cappella di Sant'Anna, nella Chiesa di S. Lorenzo in Peschiera a Roma.