Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Piola Carmelo
(Letterato storico e tipografo)

Nato a Palermo nel 1811 e morto nel 1882.

La sua attività principale fu quella di poeta e scrittore, anche dialettale, come dimostra una raccolta di poesie in siciliano del 1844 ed ancora "Nina, racconto contemporaneo in versi siciliani" del 1845 e "La cuntintizza 'n sonnu, scherzu di Carmelo Piola"  pubblicato a Palermo nella stamperia e rilegatoria di Francesco Ruffino.

Un'altra opera poetica "Griddu o sia lu sbannutu sicilianu", in XII canti, fu pubblicata  nel 1861 nella sua tipografia  in via Spitalettu, tradotta poi in italiano da Giuseppe Gazzino e data alle stampe nel 1970.

Esercitò la professione di tipografo, come si può rilevare dalle indicazioni fornite nei frontespizi dei libri, come ad esempio "Lorenzu e Rita. Raccuntu di lu seculu XVIII", dove si firmava "Carmelu Piola tipografu".

Pubblicò "Poesii siciliani di Petru Fudduni, ordinati e curretti".

Fu socio di varie Accademie, come la "Dafnica", quella dei "Zelanti" di Acireale e quella della "Storia Patria".

Scrisse alcuni saggi sulla tipografia, come "La Lettera al barone Vincenzo Mortillaro sulle nostre tipografie", pubblicata a Palermo nel 1838 e il "Discorso intorno all'influenza della tipografia sulla letteratura" del 1841.

L'ultima sua opera, scritta quasi certamente in occasione delle celebrazioni del centenario del Vespro siciliano del 1882, è "Lu Vespru sicilianu. Liggenna popolari di Carmelu Piola sociu di varii accademii".