Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Evola Nicol˛
(Bibliografo e bibliotecario)

Nato a Balestrate il 31 ottobre 1883 e morto a Palermo il 15 agosto 1967.

A poco più di 21 anni di eta' nel febbraio 1905, entrò a far parte della Biblioteca Nazionale di Napoli, ove rimase sino al giugno 1906.

Dopo un breve periodo presso la Biblioteca universitaria di Catania, il 1° marzo 1909 entrò alla Biblioteca Nazionale di Palermo, nella quale rimase per 43 anni, sino alla pensione. Impiegato della carriera di concetto, si distinse per la sua notevole competenza nel campo bibliografico e biblioteconomico, acquistandosi la stima e la fiducia più ampia dei vari direttori, che si susseguirono alla guida della biblioteca.

Appassionato del suo lavoro, trovò sempre il tempo di occuparsi di studi bibliografici e di saggi sulla cultura siciliana; i suoi interessi letterari riguardarono il giornalismo isolano, le condizioni delle biblioteche in Sicilia, la cultura e la stampa in Sicilia nel '400 e '500.

Pubblicò bibliografie e articoli di cultura su varie riviste e giornali, ma le sue opere più importanti e voluminose sono le 'Ricerche storiche sulla tipografia siciliana' e la 'Bibliografia siciliana 1938-53'.

Le 'Ricerche', che gli costarono dieci anni di studio, intendono proseguire e completare la 'Storia tipografico-letteraria del sec. XVI in Sicilia' dello zio Filippo Evola, e tracciano con molta dottrina la storia tipografica della nostra isola sino a tutto il '700.

L'opera fu, ed è  largamente apprezzata dagli studiosi della cultura siciliana per l'abbondanza e la precisione delle citazioni di tipografi e pubblicazioni, divise per periodi e località.

La 'Bibliografia siciliana' portò, invece, un contributo diverso, ma non meno utile, in quanto con le sue 6171 indicazioni bibliografiche di libri e riviste contenenti soggetti letterari, storici, economici, finanziari e culturali su personaggi e argomenti siciliani, costituisce una guida preziosa per gli studiosi di cose siciliane.

Nel 1942 conseguì la libera docenza in bibliografia e biblioteconomia e tenne, con molta dignità, l'insegnamento di tale materia nella Facoltà di lettere dell'Universita' palermitana sino al 1958.

Fu socio dell'Accademia di scienze, lettere e arti di Palermo (che gli affidò anche l'incarico di bibliotecario, da lui svolto con rara competenza e squisita cortesia); della Società siciliana di Storia Patria; della Società di Storia Patria per la Sicilia Orientale e dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano.

Per la sua lunga e proficua attività svolta nelle biblioteche gli fu conferita dal Capo dello Stato l'onorificenza di Cavaliere Ufficiale dell'Ordine della Repubblica.