Comune di Palermo - Consulta l'Archivio

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Archivio Biografico Comunale - Consulta l'Archivio
Consulta l'Archivio
Archivio Biografico Comunale
La consultazione dell'archivio biografico, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti.
Tutte le biografie e il materiale a disposizione sono in lingua italiana.
INDICE ANALITICO
RICERCA LIBERA
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Whitaker Joseph Isaac
(Industriale)

Nato il 19 marzo del 1850 e morto a Roma il 3 novembre 1936.

Figlio di Joseph e di Elisa Sophia Anderson, dagli amici era chiamato Pip.

Dopo avere compiuto gli studi a Malta e in Inghilterra ritornò a Palermo, dove si impegnò nella conduzione delle aziende familiari ed in particolare nello stabilimento Ingham Whitaker di Marsala, sorto ad opera dello zio Benjamin Ingham.

Tuttavia, questo suo impegno fu piuttosto tiepido, meglio di lui fece il fratello Joshua; Joseph preferì dedicarsi agli amati studi di scienze naturali ed alle ricerche archeologiche.

Fu un esperto ornitologo e, da archeologo dilettante ma appassionato, proseguì gli scavi iniziati dal padre nell'isola di Mozia, scoprendo centinaia di reperti ed anche le mura perimetrali dell'antica Comune fenicia.

Lasciò numerose opere di beneficenza. Stipulò un contratto con il Comune di Palermo, sostenuto da un concreto intervento finanziario della contessa Maria Wilding di Radaly, della Cassa di Risparmio e di altri enti pubblici e privati, per istituire alle Croci una scuola laboratorio per avviare giovani al lavoro artigianale.

Nel 1897, assieme alla moglie Tina Scalia e ad altri esponenti dell'economia siciliana, politici e uomini di cultura fondò una Società umanitaria per l'educazione dei bambini poveri e per la protezione degli animali, che fu molto attiva ed ebbe prestigiosi riconoscimenti anche fuori dalla Sicilia.

Il risultato degli scavi compiuti nell'isola di Mozia e gli studi sulla civiltà punica vennero versati nel libro "Mothya A Phoenician Colony in Sicily", pubblicato a Londra da Bell & Sons nel 1921.

Le ricerche naturalistiche si concretizzarono nella bella raccolta di reperti naturalistici, ospitata sino a qualche anno fa nella residenza della Villa Malfitano e poi trasferita in Irlanda.