Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

ACQUA. PALERMO BASTA PRIVATIZZAZIONE

(data pubblicazione 19 Febbraio 2013)

Il Sindaco Leoluca Orlando, ha incontrato stamattina con il vice Sindaco Cesare Lapiana e il Presidente dell'AMAP Dott. Enzo Costantino, una delegazione del Forum Siciliano dei Movimenti per l'Acqua e i Beni Comuni composta da Antonella Leto, Luca Nivarra, Lella Feo,Tommaso Castronovo, Giuseppe Sunzeri,Vito Restivo. Il Sindaco ha ribadito l'impegno dell'Amministrazione a fare proprio lo spirito del referendum del 2011, con il quale la stragrande maggioranza degli italiani si espresse per la tutela dell'acqua pubblica, sottraendola quindi alle logiche di mercato della privatizzazione dei servizi. Primo concreto passo in questa direzione, ha confermato il Sindaco, sarą la proposta al Consiglio Comunale di avviare il processo di trasformazioen dell'AMAP da una Spa (di diritto privato) in una Azienda speciale (di diritto pubblico); allo stesso tempo sarą proposta la modifica dello Statuto comunale, includendo l'acqua fra i beni pubblici essenziali e inalienabili definendo l'acqua come bene comune e diritto umano universale la cui gestione, pubblica e partecipativa, persegue gli interessi generali della comunitą di riferimento. Nel corso dell'incontro non si č ovviamente ignorata l'attualitą che riguarda il servizio idrico dell'ATO 1. A tal proposito č emersa la proposta di un tavolo congiunto fra Comune di Palermo ed AMAP, con i Comuni dell'area metropolitana, tutti i comuni della provincia, la Regione, la Provincia, le OO.SS. ed il Forum dei movimenti per l'Acqua e i Beni Comuni per arrivare ad una soluzione condivisa della gestione delle risorse idriche per il territorio provinciale. Il Sindaco ha poi espresso il proprio sostegno al disegno di legge di ripubblicizzazione delle acque promosso per iniziativa Popolare e dei Consigli Comunali ed attualmente in discussione presso la IV Commissione ARS ambiente e territorio, per il quale proporrą la formale adesione del Consiglio Comunale di Palermo, unitamente all'adesione al Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per l'Acqua Bene Comune.