Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Case famiglia - Mattina incontra Corecaf su disagio psichico

(data pubblicazione 30 Settembre 2017)

L’assessore alle Cittadinanza Solidale Giuseppe Mattina ha incontrato, insieme alla dirigente del servizio e su mandato del Sindaco, i rappresentanti del CORECAF, Coordinamento Regionale Case Famiglia, che si occupa di coordinare le strutture che accolgono persone con disagio psichico.

A fronte di un possibile avvio dello stato di agitazione delle comunità causato dal ritardo dei pagamenti, le parti hanno concordato un piano di azione congiunto che vedrà l’amministrazione attivare delle misure che permettano di risolvere la problematica in tempi brevi.

"Il confronto aperto e costruttivo - afferma Mattina -  ci ha portato a condividere una linea d’azione che prevede la pubblicazione di un nuovo bando per l’accreditamento delle strutture e la sottoscrizione del nuovo patto di accreditamento entro il 31 dicembre di quest’anno, una migliore organizzazione per velocizzare i pagamenti, l’impegno a incontrare gli Uffici competenti della Regione Siciliana per trovare soluzione condivise per la copertura della spese e infine prevedere lo stanziamento necessario all’interno del bilancio di previsione del comune di Palermo per l’anno in corso."

Le parti si sono date appuntamento a 30 giorni per verificare l’attuazione del programma di lavoro.

Per il sindaco Leoluca Orlando "i servizi per le persone con disabilità psichica sono fondamentali nel tessuto della città e vanno potenziati. In modo particolare per la fascia degli adolescenti dove il fenomeno è in aumento anche a causa dell’uso di sostanze stupefacenti e altre forme di abuso o dipendenza. Ringrazio il Corecaf per la collaborazione nel cercare di migliorare la situazione e tutti gli operatori e le cooperative che con senso di alta professionalità stanno continuando il loro lavoro in un clima oggettivo di grande difficoltà che accumuna ampia parte del settore dei servizi alle persone più fragili."