Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Comune di Palermo e LAV per i cani randagi - Domani conferenza stampa

(data pubblicazione 14 Maggio 2018)

Il piano di intervento per le adozioni dei circa 540 cani – di cui 80 cuccioli – ospitati nel canile di Palermo e per la prevenzione del randagismo, recentemente inaugurato da Comune di Palermo e LAV, entra nel vivo con la presentazione delle attività formative che coinvolgeranno 101 agenti della Polizia Municipale.

L’appuntamento è per domani, martedì 15 maggio, ore 9:00 a Palermo, presso la Sala Convegni della Polizia Municipale, Via Ugo La Malfa 72, con i protagonisti di questo innovativo modello di cooperazione proposto dalla LAV (www.lav.it), che vede in prima linea il Comune di Palermo, e che coinvolge attori istituzionali e società civile, professionisti e mondo del volontariato, in una sinergia di ruoli e competenze del tutto inedita.

In base alle nuove Linee di intervento per il contrasto del randagismo stilate da Comune di Palermo e LAV, un ruolo fondamentale sarà svolto dagli agenti di Polizia Municipale, punto di primo contatto per le segnalazioni dei cittadini rispetto ad animali in difficoltà, e momento di innesco della procedura di intervento.

A 101 agenti della Polizia Municipale del Comune di Palermo sarà dedicato uno specifico percorso di formazione, che verrà illustrato da rappresentanti istituzionali, rappresentanti LAV, professionisti e volontari impegnati sul campo, nel corso della conferenza di presentazione.

INTERVERRANNO:

Vice Sindaco Sergio Marino

Saluti istituzionali

  • Gabriele Marchese, Comandante della Polizia Municipale di Palermo

Il monitoraggio del territorio: la gestione dei cani del Comune di Palermo liberi sul territorio e delle segnalazioni”

  • Federica Faiella – Responsabile LAV area Adozioni

Presentazione del progetto

  • Mirko Zuccari – Educatore cinofilo LAV

La lettura dei segnali dei cani randagi e le corrette modalità d’approccio/interazione

  • Sara Leone – Volontaria LAV, sede di Bari

L’esperienza maturata sul campo nella gestione e cattura di cani randagi singoli o quali componenti di un branco

  • Alessandro Fazzi - Ufficio legale LAV

Le norme nazionali, regionali e comunali in materia di reati in danno agli animali, pronto soccorso veterinario e gestione delle segnalazioni da parte di associazioni e cittadini

  • Dott. Luigi Zumbo, Presidente dell’Ordine dei medici veterinari della provincia di Palermo

L’assistenza medico veterinaria di cani randagi in strada – il triage

  • Dott. Luigi Arcuri, Dirigente ASP Palermo

“La lotta al randagismo: il censimento della popolazione canina, il controllo delle nascite, l’assistenza veterinaria h 24”

IL PROGETTO IN PILLOLE

Un anno fa, all’esterno del Canile comunale di Palermo, collocato in piazza del Tiro a Segno, un gruppo di volontari protestava e si batteva per impedire il trasferimento dei cani ospitati nella struttura e per la tutela del loro diritto all’adozione consapevole e responsabile. Con lo stesso intento, l’Area adozioni LAV e il Comune di Palermo hanno lavorato, nel corso degli ultimi mesi, per realizzare un progetto a favore dei cani randagi di Palermo, siano essi ospitati in canile o liberi sul territorio.

Il Comune di Palermo diventa protagonista, per la prima volta, di un innovativo modello di cooperazione proposto dalla LAV (www.lav.it) per favorire, in particolare, l’adozione dei circa 540 cani randagi presenti in canile – tra i quali vi sono circa 80 cuccioli in cerca di una famiglia.

LAV, con il coinvolgimento dei volontari palermitani, è parte attiva di questo progetto innovativo, che prevede anche il coinvolgimento dei responsabili di alcuni dei canili maggiormente impegnati a favorire il virtuoso circolo delle adozioni: il Parco Canile di Milano, il Parco Canile di Firenze, il Canile di Modena, il Canile intercomunale di Magreta, La Fattoria di Tobia, il Canile sanitario di Bari, e dei referenti degli Uffici tutela animali dei Comuni di Milano, Firenze, Bologna e Formigine (Modena).

Dopo la conferenza stampa di inaugurazione del progetto il 12 aprile scorso, sono subito iniziati i primi interventi di sensibilizzazione, a partire dagli appuntamenti LAV nelle scuole. L’associazione ha già incontrato quasi 300 alunni di 17 classi di Palermo e nuovi incontri, che coinvolgeranno altri 350 bambini, sono in programma dal 16 al 18 maggio.

Seguirà l’avvio delle attività di formazione dedicate alla Polizia Municipale, attore fondamentale della nuova procedura di intervento predisposta dal Comune di Palermo in collaborazione con LAV.

Intanto, stanno già arrivando le prime richieste di adozione, rese possibili dalle attività messe in campo da LAV, anche grazie alla pagina web dedicata ai cani di Palermo (www.lav.it/campagne/progetto-palermo) e alla comunicazione dell’iniziativa su tutto il territorio nazionale.