Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Polizia Municipale - Movida: sanzioni per oltre 14000 euro e tre denunce

(data pubblicazione 22 Luglio 2018)

Oltre 14000 euro di sanzioni e tre denunce ad altrettanti gestori di pub a piazza Monte di Pietà e a piazza Sant’Euno sono gli esiti dei controlli effettuati ieri notte dalla Polizia Municipale. I sopralluoghi, predisposti dal Comandante Gabriele Marchese, rientrano nella programmazione finalizzata al contrasto al fenomeno dell’abusivismo e a garantire legalità nella somministrazione di alimenti e bevande, in particolare alcoliche. 

A piazza Monte di Pietà entrambi i gestori delle due attività controllate sono stati segnalati all’autorità giudiziaria perché l’occupazione abusiva della piazza deturpava il sito di interesse storico; uno dei due è stato denunciato anche per non aver rispettato la misura di prevenzione dell’obbligo di dimora dalle 24.00 alle 7.00 prescritta dal tribunale. Le sanzioni, per un totale di oltre 2700 euro ciascuno, sono state comminate per la mancanza di autorizzazioni sanitarie per l’esterno, per l’occupazione abusiva del suolo pubblico e per la mancanza di tabelle alcolemiche e di alcol test, nonché di quelle indicanti gli orari di apertura e chiusura dei pub. Gli agenti hanno contestato anche l’installazione abusiva delle tende solari e degli impianti pubblicitari. 

A piazza Sant’Euno il gestore del locale è stato denunciato per occupazione del suolo pubblico e sanzionato per oltre 8600 euro. Gli agenti hanno accertato la vendita di alcolici e superalcolici oltre l’orario consentito, alle 3:30 circa. Inoltre hanno contestato la mancanza di autorizzazioni sanitarie per l’esterno e per l’installazione dell’impianto pubblicitario e l’assenza dell’alcol test. Durante il controllo è intervenuta una pattuglia della guardia di finanza, su richiesta degli agenti che operavano sul posto, perché il registratore di cassa risultava manomesso. I militari hanno proceduto alle contestazioni di competenza.