Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Sindaco e Assessora alla Scuola ieri in visita all'Asilo Nido "Allodola"

(data pubblicazione 26 Ottobre 2018)

Il Sindaco Leoluca Orlando e l’Assessora alla Scuola, Giovanna Marano, sono stati invitati ieri pomeriggio dal Centro Padre Nostro a conoscere le famiglie ed i bambini che fruiscono dello spazio gioco pomeridiano attivato presso l'Asilo Nido "Allodola", grazie ai fondi PAC. 

Si tratta di uno spazio educativo rivolto a  venti famiglie del territorio, nell'orario pomeridiano, un’offerta educativa rivolta ai bambini tra i 12 ed i 36 mesi.  Il servizio offerto va ad aggiungersi, dalle ore 15.30 in poi, al servizio antimeridiano, a totale gestione pubblica, che viene garantito dal Comune dalle 7.30 alle 15.30.

 “Quella dell’Allodola – ha dichiarato il Sindaco -  è la testimonianza di come si possa ottimizzare al meglio l'utilizzo di uno spazio educativo pubblico che serve la mattina la fascia della prima infanzia da 0 a 3 anni e nelle ore pomeridiane destinato ad integrare quanto offerto dall'asilo nido comunale. In questo modo crescono i servizi resi alle famiglie. È un segno importante di collaborazione tra pubblico e privato: l’Allodola è una delle sei strutture che seguono questo metodo innovativo, preso a modello in altre parti d’Italia. Un ringraziamento al Centro Padre Nostro che si è aggiudicata la gestione di questo asilo nido”.

 “Con l’utilizzo dei fondi PAC dentro un bene pubblico, attraverso modalità differenti ed in perfetta sinergia pubblico-privato – ha spiegato l’Assessora Marano - si avvia un’esperienza educativa che amplia l’offerta alle famiglie e risponde al criterio di porre al centro le bambine ed i bambini per tutelare il loro diritto al gioco, alla libera espressione e a diventare cittadine e cittadini in maniera più consapevole, all'interno di un concetto di comunità e condivisione che sicuramente servirà loro a sconfiggere in seguito i pericoli insidiosi di povertà educativa”.  

mappa