Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Accreditati Centri antiviolenza e Case di accoglienza ad indirizzo segreto per donne vittime di violenza

(data pubblicazione 19 Agosto 2019)

Con la Determinazione Dirigenziale n. 9372 del 12 agosto scorso dell’Area della Cittadinanza Solidale - dopo l’esame delle istanze pervenute a seguito dell’avviso pubblicato nel maggio scorso e rivolto alle organizzazioni del Terzo Settore attive sul territorio del DSS 42 - sono stati accreditati i seguenti Centri antiviolenza e le Case di accoglienza ad indirizzo segreto per donne vittime di violenza:

 

Ente Cooperativa Sociale Nuova Generazione, sede legale Trabia (PA) via P. Mattarella snc: CASA DI ACCOGLIENZA AD INDIRIZZO SEGRETO PER OSPITALITA’ DI SECONDO LIVELLO – capacitą recettiva n° 10 posti;

Ente Cooperativa Sociale Nuova Generazione, sede legale Trabia (PA) via P. Mattarella snc: CENTRO ANTIVIOLENZA;

Associazione le Onde Onlus, sede legale Palermo, viale Campania n° 25:  2 CASE DI ACCOGLIENZA AD INDIRIZZO SEGRETO PER OSPITALITA’ DI SECONDO LIVELLO – capacitą recettiva n° 9 posti;

Associazione le Onde Onlus, sede legale Palermo, viale Campania n° 25: CENTRO ANTIVIOLENZA.

L’importo disponibile per le azioni, proveniente dai fondi specificatamente destinati alla Cittą Metropolitana di Palermo dal Piano operativo complementare del PON Metro, ammonta a circa 1,3 milioni di euro, cui vanno ad aggiungersi le risorse del piano di zona previsto dalla Legge 328/2000, per circa due milioni e mezzo di euro.

Le azioni riguardano tutti i comuni del distretto socio sanitario 42 di Palermo e riguardano in particolare nell'attuazione della Legge 27/06/2013 n. 77 Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica di Istanbul e del Piano strategico nazionale contro la violenza maschile sulle donne.

Riferimenti normativi.

Inoltre, in base all'Intesa Stato – Regioni ai sensi dell’art. 8 comma 6 della Legge 5 giugno 2003 n. 131 tra il Governo e le Regioni relativa ai requisiti minimi dei Centri Antiviolenza e delle Case di Accoglienza previste dall’art 3 comma 4 del DPCM del 27/11/2014 sono stati approvati gli standard regionali di Centri e Case con il DPRS n. 96/Serv. 4-S.G. del 31 Marzo 2015 - Approvazione degli standard strutturali ed organizzativi delle tipologie di servizio: Centro antiviolenza, Casa di accoglienza ad indirizzo segreto e strutture di ospitalitą in emergenza, Casa di accoglienza per gestanti e madri con figli.

Destinatari diretti.  

Le/I destinatarie/ del servizio sono donne sole o con figli/e, vittime di violenza italiane e straniere (e le/i loro figlie/i) vittime di violenza (violenza fisica, psicologica, sessuale, economica e stalking da parte del partner, ex partner o da membri della famiglia oltre che da estranei) residenti nel Distretto Socio-Sanitario 42.

Destinatari indiretti.

La comunitą allargata, la rete di servizi pubblici e privati coinvolti nella co-costruzione dei progetti individualizzati di intervento

Obiettivi delle attivitą.
- Rispondere alla domanda di aiuto e protezione delle donne vittime di violenza e sostenere le vittime nei loro percorsi di uscita dalla violenza e nell’elaborazione del trauma;

- Favorire i processi di reinserimento e partecipazione sociale attraverso processi di inclusione attiva;

- Realizzare specifici programmi di accompagnamento per lo sviluppo di percorsi autonomia economica e abitativa, con particolare attenzione alle ospiti nelle case rifugio;

- Accompagnare le donne e/o i minori nei percorsi giudiziari;

- Realizzare azioni integrate di rete nei percorsi di accompagnamento alla soluzione dei problemi connessi alla violenza e partecipando alle attivitą  attraverso la Rete contro la violenza alle donne, alle ragazze e ai ragazzi, alle bambine e ai bambini;

- Sensibilizzare la comunitą allargata attraverso azioni di informazione, prevenzione e di educazione.