Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

SOVRAPASSO TRAM

(data pubblicazione 27 Febbraio 2014)

In merito alle polemiche sollevate in questi giorni da alcune associazioni cittadine relativamente alla costruzione del nuovo sovrappasso pedonale di via La Loggia, si precisa che l'AMAT, quale stazione appaltante del sistema tranviario, è ovviamente munita dei previsti nullaosta rilasciati dalla Soprintendenza ai Beni Culturali ed è stata autorizzata dalla stessa alla prosecuzione della cantierizzazione del sovrappasso pedonale che è un'opera pubblica la cui utilità è destinata alla fruibilità della cittadinanza come già avviene per le altre due analoghe infrastrutture poste sul viale della Regione Siciliana. La struttura che si sta realizzando, asservita alla linea 3 del Sistema TRAM prevede, infine, su indicazione della stessa Soprintendenza, la realizzazione di ampie vetrate che esalteranno i coni di visibilità del Castello dello Scibene, favorendone quindi una visibilità e riconoscibilità da parte dei cittadini. Per altro si ritiene di dover ricordare che proprio in questi giorni il Corpo di Polizia Municipale, con il Nucleo per la tutela del Patrimonio Artistico, ha rilevato come l'area del Castello sia stata oggetto negli scorsi anni di interventi apparentemente non autorizzati su cui sono in corso delle indagini ed ha inoltre posto sotto sequestro un'area limitrofa, nella quale a seguito dell'estirpazione di alcuni alberi, si stava realizzando un parcheggio, il tutto mettendo a rischio la bellezza e la fruibilità futura dell'area. 'L'amministrazione comunale - dichiara l'Assessore alla Mobilità Tullio Giuffrè - come è noto si è attivata fin dal suo insediamento, con l'ausilio della stessa AMAT, per la verifica della legittimità di ogni singolo atto e passaggio relativo a questa importante opera, non perdendo di vista la necessità di ridare impulso ad un'opera strategica nel complesso del trasporto pubblico cittadino, che due anni fa era sostanzialmente ferma. Per quanto possibile abbiamo anche dialogato con tutti i soggetti interessati perché la realizzazione dell'opera tenesse conto di siapur tardivi rilievi ed osservazioni, tenendo però conto del fatto che la fase progettuale e propositiva si è chiusa ormai da anni, dovendosi ora procedere alla conclusione dei lavori e alla messa in opera dei TRAM.'