Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

COMUNE ASSISTE 73 MINORI GIUNTI IERI IN PORTO

(data pubblicazione 05 Maggio 2014)

L'Amministrazione comunale di Palermo sta provvedendo a trovare una sistemazione adeguata per i 73 minori non accompagnati che sono giunti ieri in città con il pattugliatore della Marina Militare 'Libra'. La presenza dei minorenni non accompagnati è stata accertata solo ieri pomeriggio, dopo lo sbarco dei 358 migranti arrivati in porto, e l'Amministrazione comunale, a cui spetta l'assistenza dei giovani stranieri che giungono in Italia senza parenti, si è immediatamente mobilitata per assistere questi ragazzi. Grazie al contributo operativo dell'Associazione di Volontariato della Protezione Civile 'LeAli' e la cooperativa 'Ali' della Legacoop, si è provveduto a rifocillare e a vestire con abiti puliti i 73 giovani. Per la prima notte, 17 di questi minori sono stati accolti in comunità alloggio del palermitano e altri 56 hanno trovato ricovero presso diverse strutture che hanno dato immediatamente la loro disponibilità: l'Ipab A. Telesino, il convento San Francesco di Baida e l'Oratorio di Santa Chiara. Già questa mattina, 40 ragazzi sono stati spostati in una struttura di accoglienza ad Altavilla. 'Questo - spiega l'assessore alla Cittadinanza Sociale Agnese Ciulla, che ha coordinato l'operazione di assistenza - in previsione di una successiva sistemazione definitiva'. Operazione resa complessa dal fatto che, come si è appurato in queste ore, le Comunità Alloggio siciliane sono al completo o in difficoltà economica, dal momento che l'attuale normativa pone a carico dei Comuni il pagamento delle rette. 'E' urgente - afferma l'assessore Ciulla commentando questa situazione - che il governo nazionale e quello regionale riorganizzino il sistema di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati, che ora grava esclusivamente, per l'organizzazione e per i costi, sui Comuni'.