Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

POLIZIA MUNICIPALE: OPERAZIONE DEL NUCLEO ANTIFRODI

(data pubblicazione 17 Settembre 2014)

40 kg di prodotti alimentari, due esercizi commerciali sequestrati e 4.000 euro di sanzioni sono il bilancio degli interventi del Naf - il Nucleo antifrodi della Polizia Municipale - durante i controlli predisposti dal Comandante Vincenzo Messina, per scongiurare le frodi alimentari perpetrate nei confronti dei consumatori ed in difesa della salute pubblica. Gli agenti, coordinati dai commissari Bruno Marino e Piero Barlotta, hanno compiuto le verifiche in tre esercizi commerciali rispettivamente ubicati in piazza Strauss, in via Cesare Battisti, a Ballarò ed a Brancaccio in via Simoncini Scaglione. In piazza Strauss, all'interno di un supermercato è stata riscontrata nei banchi frigorifero l'esposizione di varie confezioni sottovuoto di salumi, prosciutti ed insaccati vari, interiora di carni bovine, panna da cucina e latte con la data di validità scaduta. Circa 40 kg di prodotti alimentari, non conformi ai requisiti di sicurezza sono stati sequestrati ed inoltre è stata comminata al gerente una sanzione pecuniaria di 1.000 euro. In un ristorante etnico di via Cesare Battisti, a Ballarò, sono state invece accertate le gravissime condizioni igienico sanitarie dei locali al momento del sopralluogo degli agenti. In cucina diversi alimenti, tipo zuppe, salse e preparati vari, giacevano in evidente cattivo stato di conservazione, mentre negli ambienti si evidenziavano gravi carenze igieniche dovute alla presenza di insetti e blatte. Il locale è stato sequestrato ed il titolare denunciato all'autorità giudiziaria. Infine, in Via Simoncini Scaglione, a Brancaccio, è stato sequestrato un negozio abusivo di generi alimentari e casalinghi poiché, alla richiesta degli agenti, il titolare non esibiva alcuna autorizzazione amministrativa, per cui oltre ai sigilli all'attività è stata comminata una sanzione di 3.000 euro.-