Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

CONSUMO CRITICO. INCONTRO STUDENTI CON GESUALDI

(data pubblicazione 23 Ottobre 2014)

Consumo critico, sviluppo sostenibile, etica e legalità, sono stati i temi di un affollato incontro tra studenti e docenti dell'Istituto Regina Margherita di Palermo e Francuccio Gesualdi, allievo di Don Milani alla scuola di Barbiana e oggi attivista e saggista impegnato nella promozione del consumo critico e lo sviluppo sostenibile. All'incontro, che segue quello svolto ieri a Messina, erano presenti il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il sindaco di Messina, Renato Accorinti con i rispettivi assessori alla Scuola, Barbara Evola e Patrizia Panarello. 'Voglio ringraziare Francuccio Gesualdi - ha detto il Orlando - per la sua presenza in questi giorni a Sicilia che amplifica l'attenzione su temi molto importanti che determinano anche la crescita individuale dei nostri ragazzi. Il senso di questo incontro - continua il sindaco di Palermo - è quello di spiegare ai ragazzi che ciascuno è responsabile dei meccanismi sociali ed economici e acquisire i necessari strumenti di conoscenza e di critica serve ad essere cittadini consapevoli. Diffondere la cultura del consumo critico aiuta a costruire una comunità capace di operare scelte che possono nel tempo far diventare la nostra città realmente sostenibile'. 'Anche il più piccolo gesto di ognuno di noi - ha sottolineato l'assessore alla Scuola, Barbara Evola - condiziona le scelte degli altri. Scegliere una marca di scarpe piuttosto che un prodotto della tavola è anche un gesto politico che indica chiaramente da che parte stiamo. Nello specifico, acquistare prodotti provenienti da multinazionali che sfruttano le risorse dei paesi più poveri significa alimentare lo sfruttamento e supportare scelte economiche dissennate. Comprare prodotti da aziende che non pagano il pizzo significa, invece, appoggiare concretamente una battaglia di legalità e civiltà'