Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

PAGAMENTO INTEGRAZIONE AFFITTI

(data pubblicazione 31 Ottobre 2012)

Mentre proseguono i controlli sul 30% delle dichiarazioni rilasciate da coloro che hanno richiesto il contributo di integrazione per l'affitto, sono comunque partiti i pagamenti per coloro che hanno superato il controllo o che non sono sottoposti al controllo. I pagamenti si riferiscono al bando 2010, basato sulla disponibilità dei fondi assegnata allora dalla Regione. Per accelerare al massimo i tempi di pagamento, l'Assessorato per la cittadinanza sociale ha concordato con la Banca Nazionale del Lavoro, cassiere del Comune, che saranno utilizzate tre distinte filiali, che opereranno dal lunedì al venerdì fino al 12 dicembre, data in cui si prevede di ultimare i pagamenti. Le tre filiali interessate sono quella di via Cozzo, quella del mercato ortofrutticolo e quella del mercato ittico. Il calendario dei pagamenti a è online sul sito del Comune di Palermo. In questa prima fase, il pagamento è rivolto a 9.650 beneficiari e il contributo varia da 100 a 400 euro per nucleo familiare, stabilito sulla base della somma complessiva messa a disposizione dalla Regione. Proseguono intanto i controlli disposti dall'Assessorato per la cittadinanza sociale dopo che una prima verifica aveva evidenziato che circa il 40% delle domande erano supportate da dichiarazioni false o mendaci. 'Questa valanga di dichiarazioni false - ha affermato l'Assessore Ciulla - ha determinato un gravissimo aumento del carico di lavoro per gli uffici ed un conseguente ritardo nei pagamenti di cui ci scusiamo pur non essendo comunque responsabili. Poiché i controlli sono tutt'ora in corso - conclude l'Assessore - torniamo ad invitare coloro che sono consci di aver sbagliato nel fornire le dichiarazioni al Comune a volerle ritirare, perché in questo modo eviteranno conseguenze ben più gravi e permetteranno di erogare il contributo a chi ha veramente diritto, in tempi brevi.'