Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Sequestrati tre immobili per abusivismo edilizio

(data pubblicazione 25 Febbraio 2015)

Il nucleo di polizia urbanistico edilizia della polizia municipale, nel corso dei controlli sul territorio predisposti dal Comandante Vincenzo Messina, ha sequestrato tre immobili: uno per abusivismo edilizio in via Girolamo Di Martino, nel quartiere Noce, e due per violazioni dei sigilli, rispettivamente in vicolo Rappallo nella zona di corso dei Mille, ed in via Torre Ingastone, al Cep. I proprietari sono stati denunciati all'autorità giudiziaria, perché sforniti di concessione edilizia e nulla osta del Genio Civile. In via Girolamo Di Martino, nel retro prospetto di un immobile preesistente è stato realizzato, nell'area di pertinenza del piano terra, un solaio in tavelle, con rete elettrosaldata, travi a doppia T infisse alla muratura perimetrale, esteso circa 12 metri quadrati. All'atto del sopralluogo degli agenti, era stata parzialmente eseguita la gettata di calcestruzzo. Alla richiesta delle autorizzazioni di rito, il proprietario non ha esibito la concessione edilizia ed il nulla osta del Genio Civile ed è stato quindi denunciato all'autorità giudiziaria. Violazione dei sigilli in vicolo Rappallo dove, il mese scorso, gli agenti avevano effettuato il sequestro di un immobile abusivo. La proprietaria, senza le dovute autorizzazioni, aveva incaricato una ditta dell'ampliamento di circa 110 metri quadrati di una preesistente costruzione di circa 30 metri quadrati. Sono stati eseguiti lavori edili consistenti nella tompagnatura e tramezzatura di un manufatto in cemento armato e muratura, con copertura inclinata in assi e travi in legno. Inoltre, sono stati predisposti 2 pilastri in cemento armato per collocare un cancello in ferro. Da un ulteriore sopralluogo degli agenti, è stata riscontrata la prosecuzione dei lavori. La proprietaria è stata denunciata all'autorità giudiziaria per violazione dei sigilli. Identico provvedimento intrapreso nei confronti della proprietaria dell'immobile sequestrato tre anni fa, in via Torre Ingastone, Nell'edificio, elevato fino al primo piano, realizzato con strutture in cemento armato e muratura, in condono secondo la normativa, dopo la demolizione della copertura del manufatto, è stato realizzato un ampliamento del piano sottotetto. E' stata, quindi, creata una nuova copertura a doppia falda inclinata, estesa circa 140 metri quadrati. A seguito dell'esecuzione della sentenza per la demolizione e restituzione del bene, disposta dalla Procura della Repubblica, è stata riscontrata la prosecuzione e la definizione delle opere, in violazione al vincolo di sequestro.