Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Consulta della culture approva la 'Carta di Palermo 2015'

(data pubblicazione 22 Marzo 2015)

Oggi pomeriggio, i rappresentanti della Consulta delle Culture, nella riunione tenutasi a Palazzo Cefalą, alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, hanno approvato, all'unanimitą, il testo della 'Mobilitą umana internazionale - Carta di Palermo 2015', elaborata nell'ambito del convegno internazionale 'Io sono persona', con la quale si chiede l'abolizione del permesso di soggiorno ed una radicale riforma della legge sulla cittadinanza, approvata dalla Giunta comunale venerdģ scorso. 'Questa giornata - ha detto il sindaco Orlando - chiude una settimana importante, partita dal conferimento di altre venti cittadinanze italiane, che vanno ad aggiungersi alle oltre mille gią conferite da questa Amministrazione in due anni, nonostante sia rimasta invariata la legge sulla cittadinanza che noi, invece, vorremmo fosse radicalmente modificata, proseguita con l'inaugurazione di piazza Nelson Mandela e con il sit-in di solidarietą per il popolo tunisino colpito da un vigliacco attacco terroristici, proprio per i suoi meriti: il dialogo, l'interculturalitą e l'inizio di un percorso democratico all'interno delle istituzioni e conclusa con l'approvazione della 'Carta di Palermo 2015' che rappresenta un atto storico per la nostra cittą'. 'Ringraziamo il sindaco Orlando - ha detto il presidente della Consulta delle Culture, Adham Darawsha - che ha voluto fortemente la 'Carta di Palermo 2015' che rappresenta un atto di civiltą e di umanitą che va oltre tutte le barriere e gli steccati. Oggi la Consulta ha compiuto un grande passo verso la piena integrazione e partecipazione politica, perché questo atto approvato rappresenta una carta dei valori, un punto di riferimento su cui noi fonderemo tutto il nostro impegno futuro. Da oggi ci sentiamo 'pił uguali''.

foto