Comune di Palermo - Comunicati stampa- Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Comunicati stampa- Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
immagine

Bike Sharing. Individuate le prime 31 aree per le 'stazioni' del nuovo servizio di biciclette pubbliche

(data pubblicazione 21 Agosto 2015)

La localizzazione delle prime 31 stazioni del bikesharing gestito dall'AMAT è stata decisa oggi con una ordinanza dell'Ufficio del Piano Tecnico del Traffico, dopo i necessari pareri della Sovrintendenza. Le biciclette, 400 tradizionali e 20 a pedalata assistita, giungeranno a Palermo entro la metà di ottobre e il servizio partirà a fine novembre. La flotta sarà per grandezza la terza d'Italia. Il Consiglio di Amministrazione dell'AMAT ai primi di settembre farà le sue proposte sui costi del servizio, che saranno allineati a quelli delle altre città italiane, prevedendo abbonamenti cumulativi con gli autobus e/o con il servizio di CarSharing. Il costo complessivo di questo primo intervento è di circa 1,3 milioni di euro, di cui il 70% è stato pagato dal Ministero dell'Ambiente e il 30% dall'AMAT. A queste prime stazioni, se ne aggiungeranno delle altre nella zona sud della città e nella zona della città universitaria, anche grazie ai fondi del PON Metro, appena approvato dalla Commissione Europea e che ha destinato a Palermo anche fondi per la mobilità sostenibile e l'efficienza energetica. 'Il progetto per la realizzazione del bikesharing fa parte del piano per la mobilità dolce e sostenibile e si integra con il piano delle pedonalizzazioni - ha dichiarato l'Assessore Giusto Catania - visto che tutte le aree pedonali sono accessibili ai velocipedi. La rete delle stazioni per le biciclette mostra come le stesse si rivolgono tanto ai turisti quanto ai cittadini di Palermo, toccando i principali luoghi di lavoro e le aree di maggiore afflusso turistico.' 'Con questo intervento - ha dichiarato il sindaco - Palermo si allinea alle principali città italiane ed europee e fa un ulteriore passo verso la vivibilità e la sostenibilità. La disponibilità delle bici pubbliche e condivise si incrocia infatti con una sempre crescente sensibilità dei cittadini ed offrirà una ulteriore valida alternativa al mezzo privato. Dal prossimo autunno, con l'entrata in funzione del tram, l'avvio del bikesharing ed il potenziamento del carsharing, la nostra città farà certamente un grande salto di qualità. Tutto questo è anche il segnale di un'azienda, l'AMAT, che dopo aver rischiato di fare la fine delle altre partecipate cittadine, si sta avviando verso il rilancio e sta riscoprendo la propria vocazione e la sua ragion d'essere: un'azienda al servizio della mobilità e dei cittadini.'