Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

HausBachHaus

(dal 22 Ottobre 2016 al 23 Ottobre 2016)

Sabato 22, al Teatro Massimo in Sala Onu alle 16.30 e alle 20.30 e poi domenica alle 17.30 nell'ambito della rassegna 'Nuove musiche', si potrà assistere al concerto 'HausBachHaus', uno spettacolo rivolto ai ragazzi, intitolato HausBachHaus, in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Palermo e il conservatorio Bellini. Uno spettacolo semiserio dedicato a Bach, che prevede il celebre Concerto brandeburghese n. 5 adattato per orchestra e per macchina musicale ('la macchina pensante') e le opere contemporanee di Salvatore Passantino (Haus) e di Michele Dall'Ongaro (Bach Haus). Ne viene fuori HausBachHaus, spettacolo in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti e il Conservatorio Bellini Ne nasce un progetto Haus Bach Haus che cerca di dare una risposta ironica a una domanda che assilla musicologi e appassionati da secoli: perché Bach non ha mai scritto un'opera? Rivolta a un pubblico di ragazzi, la musica e la drammaturgia mescola citazioni molto evidenti (Don Giovanni, West Side Story, Suor Angelica, Tosca, Wozzek, Madama Butterfly), altre ancora legate a uno stile o genere o convenzione: l'aria con strumento obbligato, qualche tic stilistico alla Bach, la passacaglia, la fuga, il canone doppio, il corale, il folk-song nello stile di Berio, la ballata alla Paolo Conte. Un progetto rivolto ai ragazzi, ma non solo, che cerca di dare una risposta ironica a una domanda che assilla musicologi e appassionati da secoli: perché Bach non ha mai scritto un'opera? La musica e la drammaturgia mescolano citazioni molto evidenti (Don Giovanni, West Side Story, Suor Angelica, Tosca, Wozzek, Madama Butterfly), altre ancora legate a uno stile o genere o convenzione: l'aria con strumento obbligato, qualche tic stilistico alla Bach, la passacaglia, la fuga, il canone doppio, il corale, il folk-song nello stile di Berio, la ballata alla Paolo Conte. Alla grande ricchezza musicale si sommano le 'macchine musicali', veri oggetti sonori virtuosi e irresistibili, dello scenografo Fabrizio Lupo. Info e biglietteria sul sito del Teatro Massimo

mappa