Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

La lotta per la legalità. 'Libera' contro la mafia in Sicilia

(26 Novembre 2016)

Il 26 novembre, alle ore 16:00, presso Palazzo delle Aquile si svolgerà un incontro per la 'La lotta per la legalità. 'Libera' contro la mafia in Sicilia'. Il lavoro di ricerca e analisi evidenzia come, nel tempo, lo Stato abbia affrontato la mafia e come sia riuscito a condannare, grazie alle indagini che portarono alla celebrazione del maxiprocesso, molti esponenti di spicco di Cosa Nostra. Il tema è stato affrontato iniziando con lo studio delle mafie, con particolare attenzione all'organizzazione 'Cosa Nostra', dal periodo dell'Unificazione d'Italia indicando le origini delle organizzazioni mafiose ovvero Cosa Nostra, Camorra, 'Ndrangheta, Sacra Corona Unita e Stidda. Lo studio di queste organizzazioni è complesso, perché complessa è la loro struttura. Lo studio riguarda le origini del fenomeno mafioso, della struttura delle mafie, dei loro introiti e della figura della donna all'interno della 'famiglia mafiosa'. L'analisi continua con lo studio degli omicidi e delle stragi di mafia e, in tale contesto, il rapporto tra mafia, politica e servizi segreti deviati, sino a giungere alla prima risposta da parte dello Stato a Cosa nostra: 'Il maxiprocesso' e il fenomeno del 'pentitismo'. Non solo lo Stato ma anche i cittadini, oramai stanchi della ferocia con cui la mafia uccideva e distruggeva pezzi del patrimonio storico del Paese, decisero di dare una pronta risposta alla mafia con la petizione popolare che ebbe come risultato la legge 109/96 e la nascita di 'Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie', fondata da don Luigi Ciotti. L'ultima parte della ricerca è dedicata proprio all'associazione 'Libera' e all'uso sociale dei beni confiscati al più spietato dei mafiosi, Totò Riina detto 'Totò u' curtu', nella città di Corleone in provincia di Palermo.

mappa
foto foto