Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
mappa
immagine

Settimana di Musica Sacra

(14 Dicembre 2017)

Il via alla Settimana di Musica Sacra, continua con il concerto alla Cattedrale di Palermo con la “Sinfonia di Bruckner” che vedrà impegnata l'Orchestra sinfonica Siciliana, con il Coro del Teatro Massimo di Palermo.

La Sinfonia n.9 in re minore

Bruckner compose i primi tre tempi della Nona tra il 1889 e il 1894, su abbozzi risalenti al 1887. Abbozzi per il Finale, la cui consistenza è largamente lacunosa se non approssimativa, sono databili dal 1894 al 1896, anno della morte.

Teoricamente, anche considerando la lentezza con cui Bruckner componeva, non sarebbe mancato il tempo per dare una conclusione alla Sinfonia, ed è certo che l'autore vi pensasse. Di fatto, non lo fece, o non visse abbastanza a lungo per farlo.

Furono anni molto difficili e penosi questi ultimi per Bruckner che continuò a insegnare all'Università e si pensionò invece da organista di corte dell'imperatore. Il compositore spirò nel 1896 proprio dopo una prova al pianoforte, nel tentativo di concludere la Nona Sinfonia.

La Sinfonia, fu eseguita postuma a Vienna l'11 febbraio 1903, sul podio Ferdinand Löwe che aveva approntato una revisione dei primi tre movimenti, fu ripresa nella versione originale rivista questa volta da Robert Haas, sotto la direzione di Siegmund von Hausegger a Monaco il 2 aprile 1932.

Il Finale, ricostruito nel 1986 da Nicola Samale e Giuseppe Mazzucca sulla base degli appunti lasciati da Bruckner, fu eseguito per la prima volta da solo nel mese di gennaio del 1986 dall'Orchestra Sinfonica della Radio di Francoforte diretta da Eliahu Lubal. La Sinfonia è così strutturata: Feierlich (Solenne), Misterioso; Scherzo: Bewegt, Lebhaft, Trio, Schnell (Mosso, vivace, Trio, presto); Adagio, Sehr langsam, feierlich.

Non solo Monreale ma anche Palermo e Cefalù. Quest'anno la tradizionale Settimana internazionale di musica sacra si fa in tre e migra dalla cittadina normanna a Palermo e Cefalù in ossequio al percorso arabo normanno Unesco.

Undici monumenti della provincia di Palermo sono entrati a far parte della World Heritage List e sono stati dichiarati Patrimonio mondiale dell'Umanità e  cinque  di questi ospiteranno i concerti della Settimana di musica sacra. Si tratta dei Duomi di Cefalù e Monreale, della cattedrale di Palermo, la Zisa e la Cuba.

L'ingresso a tutti i concerti in programma è libero

mappa
foto