Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su Google+ mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
immagine

Boldini in mostra

(dal 16 Marzo 2018 al 20 Maggio 2018)

Il 30 aprile dell’anno scorso, la tela di Giovanni Boldini (Ferrara, 31 dicembre 1842 – Parigi, 11 gennaio 1931) raffigurante "Franca Florio", è stata battuta all'asta.

Fino a quel momento si trovava al Grande hotel Villa Igiea di Palermo, antica residenza dei Florio diventata poi albergo di lusso. Da allora il dipinto non è più stato esposto a Palermo.

È per questo la mostra dell'opera in programma da venerdì prossimo e fino al 20 maggio a Villa Zito è da considerarsi un evento. 

In accordo con la Fondazione Sicilia e grazie alla concessione degli acquirenti, i marchesi e mecenati Berlingieri che lo hanno acquistato per un milione e 133 mila euro, infatti, il quadro torna ad essere visibile a tutti. Un appuntamento dal sapore particolarmente dolce per i palermitani, profondamente legati alla figura di Franca Florio e alla fama che accompagna la sua vita e la sua scomparsa, tra fortune e miserie.

Mito della Belle Epoque e della Palermo Felicissima, a cavallo tra fine Ottocento e inizio Novecento. La "Regina" era soprannominata Franca Florio dalle riviste patinate dell'epoca, mentre D'Annunzio la definiva "L'Unica". 

A rendere ancora più affascinante questo quadro e questo appuntamento anche il mistero scoperto di recente. Per molto tempo si è creduto che esistessero due dipinti a figura intera di Franca Florio realizzati da Boldini. Il primo databile all'indomani dalla commissione ricevuta da Ignazio Florio, nel 1901, e l'altro del 1924 poi esposto a villa Igiea e arrivato fino ai giorni nostri. Studi recenti hanno permesso di capire che la tela è una soltanto e che sotto il dipinto attuale se ne celano altri due: nel primo, l'abito ha maniche lunghe e una gonna più vaporosa; nella versione successiva Franca Florio indossa invece un vestito più malizioso (il dipinto risalirebbe agli anni della Prima guerra mondiale): e infine il terzo strato, è la versione del dipinto arrivata fino a noi. 

foto