Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su Google+ mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
immagine

Antonello incontra Laurana e Mc Curry

(dal 20 Marzo 2018 al 22 Aprile 2018)

L’idea è affascinante: far guardare tra loro opere diverse per natura - un dipinto la prima, una scultura, la seconda – che dal 1954 si trovano nello stesso palazzo ma in stanze separate e che sembrano richiamarsi nelle pose e nelle espressioni. Il palazzo è il Museo Abatellis.

Le opere sono due capolavori del Quattrocento: l’Annunciata di Antonello da Messina e il Busto di Eleonora d’Aragona di Francesco Laurana.

Due dei “pezzi” più importanti esposti al museo su cui, in questo allestimento straordinario, si poggia, incrociandosi, un terzo sguardo, quello di Sharbat Gula: un’altra donna, ritratta in un’altra forma d’arte – la fotografia – e in un altro tempo, il nostro. Gula è la ragazza afgana dagli occhi verdi e il mantello rosso fotografata da Steve McCurry nel 1984, conosciuta ormai in tutto il mondo.

Dal 20 marzo al 22 aprile (mar- ven ore 9 – 19; sab - dom ore 9-13) le tre opere saranno esposte nella stessa sala della Galleria. Il 19 marzo alle 12 l'evento sarà presentato in conferenza stampa da Vittorio Sgarbi. 

Il dialogo di sguardi tra queste donne, diventa così metafora di un confronto fra mondi distanti nel tempo e nello spazio che hanno sempre rappresentato terre di confine e di incontro: la Dalmazia e le riviere adriatiche da cui proveniva Laurana. la Sicilia di Antonello, l'Afghanistan di Sharbat Gula nell'obiettivo di Mc Curry.

La mostra costituisce il preludio della programmazione che Palazzo Abatellis dedica al Rinascimento in pittura e scultura, partendo dalle sue opere manifesto, per arrivare alla mostra che per la prima volta, dai musei d’Italia e d’Europa, porterà la pittura di Antonello da Messina a Palermo e a Palazzo Abatellis. Per tutta la durata della mostra, in programma un calendario di preludi di musica classica, incontri tematici, reading e visite guidate.

 

 

foto