Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
immagine

Harold e Maude

(05 Aprile 2018)

Può essere una grande storia d'amore anche quella che, come nei sogni o nelle favole, dura appena un attimo. E’ questo il tema di  Harold e Maude, la pellicola in programma giovedì 5 aprile alle ore 20.45  per la rassegna cinematografica  organizzata dalla Fondazione The Brass Group, Jazz On Movie & ...Altro, che vanta la direzione di Mario Bellone con le presentazioni di Gigi Razete. L'introduzione all'opera è affidata all'esperto di cinema Mario Tralongo. Quella del troppo giovane Harold (diciottenne) e della troppo anziana Maude (prossima agli ottanta) è, appunto, una storia d'amore tanto grande quanto breve, ma tale da riempire un'intera vita. Una storia d'amore impossibile, tenerissima e ricca di colpi di scena che Hal Ashby (tre anni prima aveva vinto l'Oscar per il miglior montaggio de "La calda notte dell'ispettore Tibbs" e nel 1979 sfiorerà la statuetta di miglior regista con "Tornando a casa" con Jane Fonda) riesce a raccontare con toni allo stesso tempo intensi e lievi, da commedia delicata e ricca di poesia, certo non con le tinte di dramma fosco o morboso. Un'idea semplice ma originale ed efficace che regia, sceneggiatura, interpretazione e fotografia (magnifica) sanno sviluppare con garbo, lambendo atmosfere favolistiche, senza mai scivolare nello scontato o in leziosità. Caratteristiche che hanno presto regalato all'opera lo status di autentico culto presso tutti i cinefili. Su tutto plana con suggestione evocativa il commento fornito da molte canzoni di Cat Stevens. Il folk-rocker londinese (che adesso pare ritornato al suo nome dopo la lunga parentesi islamica come Yusuf Islam) all'epoca del film aveva da poco conosciuto il successo con album come "Mona Bona Jackon" (in cui figura come flautista un ancora sconosciuto Peter Gabriel) e "Tea for the Tillerman" da cui, appunto, sono tratte le canzoni della colonna sonora, oltre a due inediti composti per l'occasione: "Don't be shy" e "If you want to sing out, sing out". Uno di quei casi in cui il connubio tra immagini e musica è talmente perfetto da sfiorare la magia. Con "Harold e Maude" si conclude la seconda edizione della rassegna  "Jazz on Movie... e altro". 'appuntamento con la terza edizione è per l'autunno 2018.

Biglietti da euro 5 per la platea a 4,00 per la galleria incluso i diritti di prevendita. Sconti particolari verranno effettuati per gli studenti. Da quest’anno, inoltre, la Fondazione ha attivato, oltre all’acquisto online dei biglietti tramite il circuito www.ticksweb.com e i punti vendita autorizzati, altri due punti di prevendita, uno presso il Real Teatro Santa Cecilia (Piazza Santa Cecilia n. 5 – 90133 Palermo – 091\ 88 75 201, 091 88 75 119, dal lunedì al venerdì a partire dalle 9.30 sino alle 12.30, ed un altro presso Santa Maria dello Spasimo (Via dello Spasimo, n. 15 – 90133 Palermo – 091 77 82 860, 091 77 82 861) dal lunedì al venerdì a partire dalle ore 15.30 alle 19.30. Infoline Fondazione The Brass Group: 091 778 2860 - 3312212796, info@thebrassgroup.it, www.thebrassgroup.it.

foto