Comune di Palermo - Accade a Palermo - Notizia estesa

rss Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Instagram Seguici su Google+ mailinglist Canale Youtube del Comune di Palermo

Comune di Palermo

Home - Accade a Palermo - Notizia estesa
Condividi
Stampa
Stampa
Mappa
immagine

Palermo nascita contemporanea

(dal 14 Luglio 2018 al 15 Luglio 2018)

Quali prospettive per lo scenario della pittura contemporanea? Come fa oggi l’arte contemporanea a richiamare il divino? Inserita nel calendario di “Palermo Capitale Italiana della cultura 2018”, è in programma la mostra “Palermo nascita contemporanea” dell’artista palermitano Mauro Di Girolamo.

Con la mostra, a cura di Pamela Bono e Danilo Lo Piccolo, Mauro Di Girolamo vuole proporre una riflessione e un’indagine sul concetto di “rinascita”, un’occasione per ragionare sul contemporaneo e sul senso dell’arte oggi. Se prima aveva un forte legame con il divino, tramite un linguaggio essenzialmente religioso, oggi l’arte è pensiero, interpretazione, valica ogni confine della definizione. L’arte è ogni cosa e in ogni cosa.

L’artista parte da un interrogativo: dopo quanto è stato già sperimentato, strutturato e sviscerato, quale potrebbe essere il futuro dell’arte? Emblema del suo quesito e del dubbio in merito alle prospettive dell’arte contemporanea, è in particolare il quadro “Nascita, Natività contemporanea”.

Sono rappresentati nella tela due celebri artisti, Damien Hirst e Marina Abramovich, genitori simbolici dell’arte contemporanea. Cosa può esserci, nell’arte contemporanea, dopo Hirst e Abramovich? In mezzo a loro, nella tela, una tela intonsa che simboleggia un nuovo punto di partenza dell’arte, l’attesa della natività stessa: un invito a ragionare e a trovare un punto di svolta, per ripartire da zero, e ricreare l’arte contemporanea.  Il dipinto vuole risvegliare le coscienze sul senso stesso dell’arte e del contemporaneo: qual è il prossimo passo? Anche la scimmia, in braccio a Marina, ha un forte richiamo al tema della rinascita: fa riferimento alla scimmia di Stanley Kubrick che incarna il mistero dell'inizio.

La location scelta per la mostra non è casuale. In un luogo di morte, qual è la cripta, può nascere la vita. Un luogo di morte diventa, invece, un luogo in cui può nascere invece la vita, intesa come trasformazione, cambiamento e rinascita, un invito a mettere punto all’arte contemporanea, che ha travalicato tutti i confini possibili, per ripartire da zero e ripensare l’arte.

Ad arricchire l’evento di inaugurazione, la performance di Aldo Ammirata che ha realizzato un brano per omaggiare Marina Abramovich. Il progetto è nato da un'idea di Mauro Di Girolamo in collaborazione con Amici del Piliere e Blu22.

La mostra sarà visitabile, ad ingresso gratuito, nei giorni 1, 7, 8, 14, 15 luglio dalle 10 alle 18.

foto foto